Gli anglicani che aiutano i militari senza stipendio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:11

Negli Stati Uniti è scattato lo shutdown, il blocco di un quarto delle attività federali per mancanza di fondi. Il Presidente Trump lo ha proclamato a causa dell'ostruzionismo della maggioranza democratica alla Camera che si è venuta a creare sulla legge di bilancio per i 5,7 miliardi da destinare per la costruzione del muro al confine col Messico.

Aiuto alle famiglie in difficoltà

Questa situazione di paralisi causa da 28 giorni il congelamento dello stipendio di 800 mila dipendenti pubblici. Le famiglie di questi lavoratori vivono da quasi un mese le difficoltà economiche legate al fatto di non poter contare su una busta paga. Molti di loro non riescono neppure a fare la spesa e garantire un pasto ai propri figli. In loro soccorso si stanno muovendo molte comunità cristiane americane. Una delle più attive è la Episcopal Church of the Redeemer, una struttura anglicana situata a West Mobile, in Alabama.

La gara di solidarietà

Questa comunità sta allestendo giornalmente pranzi e cene per i militari della Guardia Costiera e le loro famiglie che si trovano a dover far fronte alle conseguenze dello shutdown. Per gli uomini e le donne della Coast Guard è partita la gara di solidarietà con la raccolta di donazioni. Uno dei militari ha raccontato: “Abbiamo appena perso il nostro primo stipendio”, ha detto. “Quindi, se ci pensi, cosa acquisti normalmente con il tuo assegno di paga? Generi alimentari e gas e cose per andare avanti e alcune persone semplicemente non lo hanno più”. Il reverendo locale, Joy Blaylock. ha spiegato :”Abbiamo deciso di ascoltare per prima cosa le famiglie stesse che hanno chiesto articoli per la casa di cui si ha bisogno regolarmente, come pannolini, alimenti per bambini, cibi in scatola”. Tutta la comunità locale si è mobilitata per aiutare queste famiglie in difficoltà che prestano servizio a difesa dei cittadini di West Mobile. Un bel gesto di riconoscenza e di gratitudine che nessuno dimenticherà.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.