GIORNATA DELLA PACE, L’APPELLO DEL SANTO PADRE: “VINCI L’ INDIFFERENZA ”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:08

“Vinci l’indifferenza e conquista la pace”. È questo il tema scelto da Papa Francesco per la 49esima Giornata Mondiale della Pace, che sarà celebrata il primo gennaio 2016. Il Pontificio Consiglio Giustizia e Pace, attraverso un comunicato, spiega l’iniziativa, evidenziando che “la pace va conquistata: non è un bene che si ottiene senza sforzi, senza conversione, senza creatività e confronto”. “L’indifferenza nei confronti delle piaghe del nostro tempo – si legge – è una delle cause principali della mancanza di pace nel mondo. L’indifferenza oggi è spesso legata a diverse forme di individualismo che producono isolamento, ignoranza, egoismo e, dunque, disimpegno”. Secondo il Pontificio Consiglio “l’aumento delle informazioni non significa di per sé aumento di attenzione ai problemi, se non è accompagnato da una apertura delle coscienze in senso solidale; e a tal fine è indispensabile il contributo che possono dare, oltre alle famiglie, gli insegnanti, tutti i formatori, gli operatori culturali e dei media, gli intellettuali e gli artisti”.

Per tali motivi è importante “sensibilizzare e formare al senso di responsabilità riguardo a gravissime questioni che affliggono la famiglia umana, quali il fondamentalismo e i suoi massacri, le persecuzioni a causa della fede e dell’etnia, le violazioni della libertà e dei diritti dei popoli, lo sfruttamento e la schiavizzazione delle persone, la corruzione e il crimine organizzato, le guerre e il dramma dei rifugiati e dei migranti forzati”. “La maturazione di una cultura della legalità e l’educazione al dialogo e alla cooperazione sono, in questo contesto – continua la nota – forme fondamentali di reazione costruttiva”. Ricordando il tema della Giornata 2015 – “Non più schiavi ma fratelli” – il Pontificio Consiglio osserva che “la pace è possibile lì dove il diritto di ogni essere umano è riconosciuto e rispettato, secondo libertà e secondo giustizia”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.