Giani: “Mi dimetto per fedeltà al Papa”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:05

E' stato sempre definito “l’angelo custode” del Papa e del Vaticano il Comandante della Gendarmeria Vaticana Domenico Giani lo è stato realmente con grande dedizione, servendo ben tre pontificati e facendo crescere il corpo della Gendarmeria in prestigio umano professionale. Ora sono arrivate le dimissioni che erano state preannunciate da alcuni giornali anche se nessuno poteva pretendere una reale previsione fino al momento del comunicato ufficiale del comandante Giani. 

L'angelo custode del Papa

Il 12 gennaio 1999 è entrato nell'allora Corpo di Vigilanza dello Stato della Città del Vaticano ed è stato nominato Vice Ispettore Vicario generale. Dopo 7 anni, Giani ha sostituito Camillo Cibin sia come Ispettore generale del Corpo, sia come responsabile della Direzione dei Servizi di Sicurezza e Protezione Civile, che coordina anche i Vigili del fuoco, costituita da Giovanni Paolo II nel 2002. Nel corso della sua lunga e onorata carriera – 20 anni – ha contribuito a risolvere alcune delle questioni più delicate che hanno investito la Santa Sede negli ultimi vent’anni (dal furto dei documenti nell’appartamento di Benedetto XVI, all’arresto dei “corvi” di Vatileaks). Tra i suoi interventi più famosi si ricorda l'aver bloccato in tempo una cittadina italo-svizzera in due attacchi separati al papa Benedetto XVI durante le messe della Vigilia di Natale nella Basilica di San Pietro nel 2008 e nuovamente nel 2009. Ha coordinato e condotto le indagini nel caso Vatileaks e in Vatileaks 2. 

Il comunicato 

Ha presentato al Pontefice la propria lettera di dimissioni il comandante della Gendarmeria vaticana, Domenico Giani al termine della complessa vicenda connessa alle perquisizioni disposta dalla magistratura d’Oltretevere in alcuni uffici della Segreteria di Stato e dell’Aif, l’autorità che sovrintende alle attività finanziare della Santa Sede. La Sala Stampa vaticana ha diffuso un comunicato nel quale viene spiegato come “lo scorso due ottobre alcuni organi di stampa abbiano pubblicato una “Disposizione di Servizio riservata”, firmata dal Comandante Giani, che riguardava gli effetti di alcune limitazione amministrative disposte nei confonti del personale della Santa Sede. Una pubblicazione che, viene sottolineato è “altamente lesiva della dignità delle persone coinvolte, sia della stessa immagine della Gendarmeria. “Volendo garantire la giusta serenità per il proseguimento delle indagini coordinate dal Promotore di Giustizia ed eseguite da personale del Corpo, non essendo emerso al momento l’autore materiale della divulgazione all’esterno della disposizione di servizio, riservata agli appartenenti al Corpo della Gendarmeria e della Guardia Svizzera Pontificia, il Comandante Giani, pur non avendo alcuna responsabilità soggettiva nella vicenda, ha rimesso il proprio mandato nelle mani del Santo Padre, in spirito di amore e fedeltà alla Chiesa ed al Successore di Pietro – si legge nel comunicato – Nell’accogliere le dimissioni, il Santo Padre si è intrattenuto a lungo col Comandante Giani e gli ha espresso il proprio apprezzamento per questo gesto, riconoscendo in esso un’espressione di libertà e di sensibilità istituzionale, che torna ad onore della persona e del servizio prestato con umiltà e discrezione al Ministero Petrino e alla Santa Sede”. Inoltre, viene evidenziato, “Papa Francesco ha voluto ricordare anche la sua ventennale, indiscussa, fedeltà e lealtà e ha sottolineato come, interpretando al meglio il proprio stile di testimonianza in ogni parte del mondo, il Comandante Giani abbia saputo costruire e garantire intorno al Pontefice un clima costante di naturalezza e sicurezza. Nel salutare il dottor Domenico Giani, il Santo Padre lo ha anche ringraziato per l’alta competenza dimostrata nell’espletamento dei molteplici, delicati servizi, anche in ambito internazionale, e per il livello di indiscussa professionalità a cui ha portato il Corpo della Gendarmeria”.

Il comandante Giani e Papa Francesco a Bangui, durante il viaggio apostolico in Kenya, Uganda e nella Repubblica Centrafricana nel 2015

Studi e carriera

Domenico Giani, si è laureato con lode in pedagogia con indirizzo sociopsicologico presso la facoltà di Magistero di Arezzo dell'Università degli Studi di Siena, ha poi conseguito la laurea in scienze della sicurezza economico finanziaria con lode all'Università di Tor Vergata, ha prestato servizio come sottoufficiale e, per alcuni anni, come ufficiale della Guardia di Finanza. Distaccato poi alla presidenza del Consiglio dei Ministri, ha operato nel Sisde, allora parte dei servizi segreti e sicurezza italiani. E' stato comandante di una sezione di polizia giudiziaria presso la procura della Repubblica, svolgendo anche le funzioni di pubblico ministero in udienza, e ha ricoperto incarico dirigenziale presso il Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria nel settore della protezione tecnologica e organizzativa, con particolare riferimento alla sicurezza dei soggetti esposti a rischio. Come comandante del Corpo, Giani è stato artefice di un radicale cambiamento della struttura da lui dipendente, favorendo un ammodernamento di tecniche, mezzi e procedure, e il miglioramento professionale dei gendarmi vaticani. A questo scopo sono stati istituiti dei corsi di formazione e addestramento in collaborazione con il Gruppo di Intervento Speciale (Gis) dell'Arma dei Carabinieri in Italia e del Federal Bureau of Investigation (Fbi) negli USa. Grazie a questo lavoro, è stato istituito un Gruppo di Intervento Rapido (Gir) per contrastare eventuali azioni ad alto rischio, compresi attacchi terroristici mirati alla persona del Papa e un'Unità Antisabotaggio.  

Il comandante Giani e Papa Francesco a Bangui, durante il viaggio apostolico in Kenya, Uganda e nella Repubblica Centrafricana nel 2015

 

Riportiamo l'intervista pubblicata su Vatican News al comandante della Gendarmeria Domenico Giani a cura del dottor Alessandro Gisotti.

Giani: grato per aver potuto servire il Papa con onore fino all’ultimo

Il Comandante della Gendarmeria, Domenico Giani, sottolinea ai media vaticani la gratitudine al Papa per il servizio che ha potuto svolgere in questi anni in Vaticano

Un momento delicato, di grande prova personale, ma vissuto interiormente con serenità, incoraggiato dalla fiducia e dal sostegno del Santo Padre, della sua famiglia e di tanti collaboratori e persone che in vario modo in questi anni lo hanno conosciuto e ne hanno apprezzato le qualità umane e professionali. Domenico Giani, Comandante del Corpo della Gendarmeria, in un’intervista ai media vaticani, confida i sentimenti con cui lascia il servizio e sottolinea la gratitudine al Papa che ne ha riconosciuto l’onore, la lealtà e fedeltà nel suo lavoro quotidiano.

Dopo 20 anni di servizio al Papa e alla Santa Sede alla guida del Corpo della Gendarmeria lascia in un momento delicato e sicuramente non facile per lei. Con quali sentimenti vive questo momento?
“Vivo questo momento difficile con la serenità interiore che, chi mi conosce, sa che ha contraddistinto il mio stile di vita anche di fronte a vicende dolorose. Ho dedicato 38 anni della mia vita al servizio delle istituzioni, prima in Italia, e poi per 20 anni in Vaticano, al Romano Pontefice. In questi anni ho speso tutte le mie energie per assicurare il servizio che mi era stato affidato. Ho cercato di farlo con abnegazione e professionalità ma sentendomi, come il Vangelo di due domenica fa ci ricorda, serenamente un “servo inutile” che ha fatto fino in fondo la sua piccola parte”.

Nel comunicato diramato dalla Sala Stampa si sottolinea che lei si è dimesso pur non avendo “alcuna responsabilità soggettiva” nella vicenda …
“Gli eventi recentemente accaduti hanno generato un grave dolore al Santo Padre e questo mi ha profondamente colpito. Sono trascorsi 15 giorni dalla pubblicazione del documento che era stato inoltrato ad uso interno esclusivamente per Gendarmi e Guardie Svizzere. Come indicato nel comunicato della Sala Stampa del primo ottobre, è in corso un’indagine e le persone coinvolte sono state raggiunte da un provvedimento amministrativo. L’uscita di questo documento, pubblicato da alcuni organi di stampa, ha certamente calpestato la dignità di queste persone. Anche io come Comandante ho provato vergogna per quanto accaduto e per la sofferenza arrecata a queste persone. Per questo, avendo sempre detto e testimoniato di essere pronto a sacrificare la mia vita per difendere quella del Papa, con questo stesso spirito ho preso la decisione di rimettere il mio incarico per non ledere in alcun modo l’immagine e l’attività del Santo Padre. E questo, assumendomi quella “responsabilità oggettiva” che solo un Comandante può sentire”.

Il Papa ha sottolineato che sia le dimissioni che il servizio svolto in questi anni “fanno onore alla sua persona”. Quanto è importante questo per lei?
“Nel corso dei colloqui avuti con il Santo Padre in questi giorni, ho sempre avvertito quella paternità che ha contraddistinto lo speciale rapporto che ho avuto con lui, sin dall’inizio del Pontificato, e credo di poter dire che ciò era visibile a tutti. Ho avvertito sempre, in questi incontri, l’umana sofferenza del Santo Padre nella decisione condivisa. Il Papa, d’altronde, conosceva però anche alcune fatiche personali che ormai da mesi stavo portando e anche un desiderio di dedicare maggiore tempo alla mia famiglia, a mia moglie e ai miei figli. Sono dunque profondamente grato al Santo Padre perché il suo attestare la mia lealtà, l’onore e la fedeltà con cui ho svolto il mio servizio, mi aiuta ad affrontare con serenità il futuro e i nuovi impegni che potrò assumere, nell’ambito delle mie competenze, dopo questa esperienza straordinaria”. 

In 20 anni alla Gendarmeria ha servito tre Pontefici. Per i media è “l’angelo custode” del Papa per il suo ruolo di protezione della persona del Santo Padre. Cosa si porta personalmente di questa esperienza unica?
“Ho avuto l’onore di servire tre Papi. Ricordo innanzitutto con grande commozione San Giovanni Paolo II che mi ha chiamato a servire in Vaticano e che ho accompagnato fino all’ultimo tratto della sua vita. Ho goduto e continuo a godere della stima e dell’affetto di Benedetto XVI al cui fianco ho affrontato delicatissime questioni ricevendo sempre il suo apprezzamento e la sua fiducia. Il Pontificato di Papa Francesco, per il suo stile improntato alla prossimità alla gente e alla spontaneità nei gesti, è stata un’ulteriore grande sfida con significativi e particolari momenti: ricordo in special modo il suo pellegrinaggio a Lampedusa, il viaggio apostolico in Brasile per la GMG e quello nella Repubblica Centrafricana. Se chiudo gli occhi, mi scorrono davanti infinite scene dei quasi 70 viaggi apostolici internazionali che ho seguito, di innumerevoli visite pastorali a Roma e in Italia e di tantissimi momenti privati con i tre Pontefici. Accanto a questo, mi piace ricordare che, sotto il mio Comando, la Gendarmeria ha sviluppato tutta una serie di attività caritative e di servizio agli ultimi come ci chiede il Vangelo”.

Cosa lascia come messaggio ai suoi uomini, al Corpo della Gendarmeria, che ha guidato in questi anni non facili?
“In occasione dell’ultima festa del Corpo, mi sono soffermato su alcune qualità che dovrebbero contraddistinguere i nostri uomini: disciplina, obbedienza, fraternità, carità e umanità. A questo desidero aggiungere l’unità nella fedeltà, nonostante alcune fisiologiche situazioni che mi hanno arrecato comprensibili dispiaceri. Il Corpo, come ho anche sottolineato in questi giorni al Santo Padre, è sano e ben preparato. Ho sempre cercato, insieme ai miei collaboratori, di formare persone che potessero essere buoni gendarmi e, con l’aiuto prezioso dei cappellani, anche dei buoni cristiani. Sono certo che chi subentra in questo delicato incarico troverà un terreno fertile, lo stesso che io ricevetti dal compianto Commendatore Cibin al quale dedico un deferente ricordo. Un ultimo pensiero, che è pieno della mia gratitudine e del mio amore, va a mia moglie Chiara e ai miei figli Luca e Laura. Hanno sostenuto una vita piena di soddisfazioni ma anche di grandi sacrifici e rinunce. La Provvidenza, cui faccio sempre riferimento, nonostante il momento di incertezza anche personale che sto vivendo, ci indicherà la strada che certamente è quella del Signore”.

Leggi l'intervista su www.vaticannews.va

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.