Francesco: “Dio ha voluto salvarci nella storia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:44

Nell’omelia mattutina di Santa Marta Papa Francesco invita a fidarsi di Dio anche quando non capiamo la storia che fa con noi, quando la vita sembra seguire un sentiero difficile e tortuoso. “Dio ha voluto salvarci nella storia” – ha affermato Bergoglio – la nostra salvezza “non è una salvezza asettica, di laboratorio. No! E’ storica. Lui ha fatto un cammino nella storia col suo popolo”. Dunque, “non c’è una salvezza senza storia. E per arrivare al punto di oggi c’è stata una lunga storia, una lunghissima storia”. Il Pontefice continua spiegando che “anche noi facciamo la storia; e quando noi sbagliamo, Dio corregge la storia e ci porta avanti, avanti, sempre camminando con noi. Se noi non abbiamo questo chiaro, mai capiremo il Natale! Mai capiremo l’Incarnazione del Verbo! Mai! E’ tutta una storia che cammina. ‘Padre, è finita questa storia col Natale?’; ‘No! Adesso ancora il Signore ci salva nella storia. E cammina col suo popolo”.

“In questa storia – ha proseguito Francesco – ci sono gli eletti di Dio, quelle persone che Lui sceglie per aiutare il suo popolo ad andare avanti, come Abramo, Mosè, Elia. Per loro ci sono alcuni momenti brutti, momenti bui, momenti scomodi, momenti che danno fastidio”. Persone che magari vogliono vivere tranquille, ma che “il Signore scomoda. Il Signore ci scomoda per far la storia! Ci fa andare tante volte su strade che noi non vogliamo”. Tanto che Mosè ed Elia a un certo punto vorrebbero anche morire, ma poi confidano nel Signore. La riflessione del Papa abbraccia diverse figure della Bibbia arrivando a Giuseppe, di cui oggi parla il Vangelo. Anche lui, spiega Francesco, è al centro di “un altro momento brutto nella storia della salvezza”, quando scopre che la sua sposa Maria è rimasta incinta entra nella sofferenza, non sa spiegarsi come possa essere accaduto, sente le voci delle donne al mercato che parlano di lei e  anche se prova dolore Giuseppe non vuole accusarla, sa che Maria “è incapace di infedeltà”. In questi momenti brutti , ha sottolineato il Papa , “gli eletti di Dio, per fare la storia devono prendere il problema sulle spalle, senza capire. Così, il Signore fa la storia”.

Con una leggera provocazione continua a commentare il Vangelo: “Così fa Giuseppe, l’uomo che nel momento più brutto della sua vita, il momento più oscuro, prende su di sé il problema. E lui accusa se stesso agli occhi degli altri per coprire la sua sposa. Forse qualche psicanalista dirà che questo sonno è il condensato dell’angoscia, che cerca una uscita… ma dicano quello che vogliono. Ma cosa ha fatto Giuseppe? Dopo il sonno, prese con sé la sua sposa. ‘Non capisco niente, ma il Signore mi ha detto questo e questo apparirà come mio figlio!” Rivolgendosi ai presenti ma anche a tutti coloro che in questo momento sperimentano la difficoltà di andare avanti il Papa esorta: “Ricordiamo sempre, con fiducia, anche nei momenti più brutti, anche nei momenti della malattia, quando noi ci accorgeremo che dobbiamo chiedere l’estrema unzione, perché non c’è uscita, di dire: ‘Ma, Signore, la storia non è incominciata con me né finirà con me! Tu vai avanti, io sono disposto’. E metterci nelle mani del Signore”.

A conclusione Francesco, come sempre, aiuta i fedeli ad accogliere la Parola con una sintesi: “Cosa ci insegnano dunque gli eletti di Dio? che Dio cammina con noi, che Dio fa storia, che Dio ci mette alla prova e che Dio ci salva nei momenti più brutti, perché è nostro Padre. E secondo Paolo è il nostro Papà. Che il Signore ci faccia capire questo mistero del suo camminare col suo popolo nella storia, del suo mettere alla prova i suoi eletti e la grandezza di cuore dei suoi eletti, che prendono su di loro i dolori, i problemi, anche l’apparenza di peccatori – pensiamo a Gesù – per portare avanti la storia”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.