Forum delle Famiglie in aiuto delle mamme: “Politiche della natalità ad ampio raggio”

"Le donne devono essere messe nelle condizioni di fare figli e lavorare. E non obbligate a dover scegliere l’uno o l’altro", dichiarano in una nota congiunta le vicepresidenti nazionali del Forum delle Associazioni Familiari

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Forum

Mobilitazione del Forum delle famiglie a sostegno delle mamme. “Il Fertility day sia occasione per rilanciare le politiche della natalità ad ampio raggio. Bene una giornata dedicata al connubio salute e maternità. Ma le donne devono anche essere messe nelle condizioni di fare figli e lavorare. E non obbligate a dover scegliere l’uno o l’altro”, dichiarano in una nota congiunta le vicepresidenti nazionali del Forum delle Associazioni Familiari.mamme

Dalla parte delle mamme

Emma Ciccarelli e Cristina Riccardi intervengono in occasione della prima Giornata nazionale. Dedicata all’informazione e formazione sulla fertilità umana. “Si sente sempre più spesso parlare di tecniche come il ‘social freezing’ per conservare gli ovociti. Esse più che progresso della scienza ci sembrano una sconfitta per le donne. Perché non si possono illudere le donne che la maternità sia rinviabile e vivibile in tutte le età della vita nello stesso modo. Né tantomeno ridurre il tema della fertilità a una questione commerciale“, aggiunge il Forum delle famiglie.

Conciliazione

“In un Paese come il nostro, in cui non si fanno più figli, per combattere la denatalità occorrono politiche familiari. Per dare fiducia alle giovani famiglie. Avere un figlio non può essere causa di povertà. Né della perdita del lavoro. Come è successo a molte donne. Né motivo di rinuncia ad una carriera professionale appagante. Urgono serie politiche di conciliazione famiglia-lavoro. E occorre, inoltre, incentivare le aziende. Perché applichino una gestione delle risorse in grado di valorizzare la genitorialità“, concludono Ciccarelli e Riccardi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.