Dall’alto Medioevo a oggi è l’etica della responsabilità il motore dell’evangelizzazione

L'importanza di mostrare come il concetto di etica e di responsabilità siano strettamente legati e connessi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Responsabilità

Da secoli il Vangelo cammina sulle gambe di chi si assume la responsabilità di annunciarlo. Anche a costo della vita. Dall’alto Medioevo ad oggi l’evangelizzazione non è progredita tanto per il “know how” dei predicatori. Quanto per il loro senso di responsabilità. E ancora oggi, soprattutto laddove i cristiani sono perseguitati o discriminati, il coraggio di farsi carico della missione è il motore della “Chiesa in uscita”.responsabilità

Senso di responsabilità

In un suo importante saggio il professor Salvatore Felici ricostruisce l’etica della responsabilità. Nel discorso della Montagna. Con le sue implicazioni nella costituzione pastorale del Concilio Vaticano II.  La “Gaudium et spes“. Di qui l’utilità di mostrare come il concetto di etica e di responsabilità siano strettamente legati e connessi. Partendo dal dato biblico. Quello che si pone quasi come il vademecum del perfetto cristiano. Il Discorso della Montagna. Ossia i capitoli da 5 a 7 del Vangelo di Matteo.responsabilità

Promozione della persona

E’ in queste fondamentali righe che si possono ravvisare i rimandi. Ai quali farà riferimento il documento conciliare “Gaudium et Spes”. Incluse le implicazioni etiche da essi derivanti. Implicazioni che successivamente serviranno da indicazioni nel catechismo della Chiesa Cattolica. Nel Compendio della dottrina sociale della Chiesa. E nella “Sollecitudo rei socialis”. L’enciclica del 1987 di San Giovanni Paolo II. Sulla sollecitudine sociale della Chiesa. Finalizzata ad un autentico sviluppo dell’uomo e della società. Per rispettare e promuovere la persona.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.