Due giorni di confronto e coordinamento tra diritto penale canonico e Statale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

La mattina di giovedì 28 ottobre, nella meravigliosa cornice della Sala delle Capriate di Palazzo Chiaramonte-Steri di Palermo, si sono aperte le due giornate dedicate al confronto e al coordinamento tra il diritto penale canonico e quello Statale. Numerosa la partecipazione degli studenti di giurisprudenza e degli avvocati, assicurata anche attraverso la modalità on-line.

Il Convegno, organizzato dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Palermo, con un comitato scientifico presieduto dal Prof. Mario Ferrante e con le relazioni dei membri del gruppo dei Giuristi per la pastorale, si è aperto con il saluto delle maggiori autorità della città, tra cui il Rettore dell’Università Prof. Fabrizio Micari, l’Arcivescovo di Palermo S. E. Mons. Corrado Lorefice e il Sindaco Leoluca Orlando.

Per due giorni si sono così alternate relazioni e interessanti confronti tra i due ordinamenti, sia alla luce della recente modifica al libro VI del Codex Iuris Canonici che entrerà in vigore l’8 dicembre 2021, sia per approfondire un coordinamento tra Autorità ecclesiastica e quella giudiziaria Statale nei casi di reati di abuso su minori.

Segnaliamo tra le diverse relazioni, quella di S. E. Mons. Giuseppe Sciacca, Segretario del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, della dott.ssa Giovanna Nozzetti, Presidente distrettuale dell’Associazione Nazionale Magistrati di Palermo, di Mons. Matteo Visioli, Sottosegretario della Congregazioni della Dottrina per la Fede, della dott.ssa Laura Vaccaro, Procuratore Aggiunto presso il Tribunale di Palermo e del Prof. Don Giorgio Giovanelli, presidente del gruppo dei Giuristi per la Pastorale.

Le relazioni tenute saranno pubblicate a cura dell’Università di Palermo e del gruppo dei Giuristi per la Pastorale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.