Diffondere la luce di Cristo con una candela: l’iniziativa della Chiesa cattolica olandese

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:12

Un’iniziativa per diffondere la luce di Cristo e farla arrivare alle persone che stanno lottando, aggrappati a un filo di speranza: è l’iniziativa della chiesa cattolica olandese per tutto il periodo dell’Avvento. “Spreadthelight”, diffondi la luce, questo il nome dell’evento che invita i fedeli ad accendere una candela e fotografarsi, postandola sui social network: per aiutare a dare fiducia alle persone che vivono in condizioni di disagio, che siano materiali, morali o spirituali.

“Con l’iniziativa dell’Avvento, la Chiesa cattolica vuole che la luce raggiunga le persone che stanno lottando e talvolta non hanno più la speranza di vedere la luce”: così il vescovo di Amsterdam, mons. Joseph Punt, ha spiegato l’iniziativa partita con la prima domenica di Avvento: tutti sono invitati a “fare un selfie con una candela accesa e postare l’immagine sui social media con il tag #spreadthelight”. Il messaggio centrale e l’invito sono a “lavorare insieme per portare la speranza della luce di Natale. Non c’è buio in grado di oscurare la luce, ma la luce più piccola può dissipare la massima oscurità”, spiega Beate Gloudemans, responsabile della campagna.

L’evento accompagna la raccolta fondi del periodo di “Advents actie”, l’Avvento: un’iniziativa istituita della Chiesa cattolica olandese che sostiene progetti di aiuto a piccole imprese nel terzo mondo e accompagna imprenditori e imprenditrici dei Paesi Bassi, che scelgono di andare a lavorare con le comunità cattoliche nei Paesi in via di sviluppo. “Il nostro è un lavoro di sviluppo e missione – ha spiegato Gloudemans – missione perché traiamo la nostra ispirazione dal Vangelo. Sviluppo perché siamo persone che si prendono cura gli uni degli altri e, attraverso piccoli progetti, aiutiamo a sperare in un futuro migliore”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.