De Magistris scrive al Papa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:15

Napoli si prepara ad accogliere Papa Francesco e per l'occasione il sindaco, Luigi de Magistris, ha scritto una lettera di benvenuto proprio al Pontefice, ricordando i valori di accoglienza che caratterizzano il capoluogo partenopeo. 

La lettera

“Carissimo Santo Padre, carissimo Francesco, è con gioia immensa che la città di Napoli sarà nuovamente onorata della Sua presenza nel nostro territorio'' esordisce il primo cittadino. ''Personalmente – prosegue – ho avuto il privilegio e il piacere di incontrarla in più occasioni, ma non posso non citare, in particolare, la Sua stupenda visita ufficiale a Napoli nel 2015 ed a Betlemme, nel 2014, dove ero l'unico occidentale presente, in considerazione della mia cittadinanza onoraria palestinese e degli ottimi rapporti con il popolo della Terra Santa''. Il sindaco sottolinea che la presenza del Papa è ''preziosa e lungimirante. La profondità dei temi da tempo trattati nella sede napoletana – aggiunge – sono da me condivisi. Il contrasto alla corruzione, la prospettiva di un nuovo umanesimo fondato sulla fratellanza tra i popoli, da ultimo, in particolare, il Mediterraneo come mare di incontro tra popoli e culture differenti”. 

Costruire ponti

Napoli, ricorda, “nella sua storia, è città che ha accolto tutte le culture, religioni diverse, tanti popoli. Siamo nel cuore del Mediterraneo. In questi tempi in cui c'è chi pensa di sigillare il mare, di costruire mura, realizzare chilometri di filo spinato, noi pensiamo che il mare debba essere luogo di vita, in cui si possano incontrare i popoli per unirsi nelle loro diversità per salvare il pianeta, il nostro mare non può essere un cimitero''. Il Mediterraneo, evidenzia, “non deve essere l'olocausto del terzo millennio. Per costruire ponti di umanità contro le mura del rancore e del razzismo, si devono abbattere mura e filo spinato che tante persone hanno nel cuore e nella mente. Ed in questo la Sua opera, carissimo Francesco, mi permetto umilmente di chiamarla così, è potente. C'è chi usa ruspe per far emergere rancori, paure ed egoismi, facendo credere che le infelicità sono colpa di chi è diverso da noi, fragile e povero, non invece causa di un sistema che crea insopportabili disuguaglianze e c'è chi opera, invece, – sottolinea – per far prevalere l'amore sull'odio e consentire alle persone di scegliere''. De Magistris ricorda che ''Il diritto di scegliere è un diritto non sempre compiuto, così come il diritto alla felicità, soprattutto per i bambini, talvolta è un sogno. Napoli è città visionaria, è città in cui la persona prevale sul denaro, in cui l'essere è più forte dell'avere. Se penso alla Sua mirabile enciclica 'Laudato sì', mi pregio di raccontarle che Napoli è l'unica città italiana in cui l'acqua è tutta pubblica, Abc (acqua bene comune), questo è il nome della nostra azienda. Napoli è la città dei beni comuni in cui luoghi degradati sono divenuti, grazie all'opera delle comunità di abitanti, posti in cui si realizza profitto sociale e rigenerazione urbana''.

Nuovo umanesimo

Napoli, scrive ancora de Magistris, “è la città in cui nessuno si sente straniero, è città con profonda identità, ma è città senza confini. Essere napoletano è meraviglioso, la nostra è una città mondo. Il nostro popolo ha ovviamente limiti, difetti, ma ha una grande capacità di resilienza, un'immensa cultura, una profonda umanità, un cuore assai grande. Le Sue forti e credibili parole, Santo Padre, consolidano la fede dei credenti, illuminano il percorso dei laici“. “Napoli, per dimostrare in questi tempi bui la sua lotta per la pace, per la giustizia sociale, per la fratellanza, per l'uguaglianza e le libertà, sarà teatro, il 29 giugno, del primo corteo a mare per una battaglia pacifica di civiltà – prosegue -. Centinaia di barche, piccole e grandi, attraverseranno il golfo di Napoli per dire sì alla vita, alla difesa del mare e della madre terra, per un nuovo umanesimo“. De Magistris spiega: “Vogliamo costruire un , in cui coesione efuturo dal volto umano valorizzazione delle differenze prevalgano su rancore, pensiero unico ed egoismi. Carissimo Francesco Napoli sta fondando il suo presente e il suo riscatto su umanità e cultura, energia vulcanica, contro depressione e lamento fine a se stesso. I soldi sono pochi ma la voglia di vivere amando è grande”. Poi la conclusione: “Grazie di cuore per quello che Lei fa, carissimo Francesco, con pensiero, cuore e passione, quale fortissimo punto di riferimento credibile per tutte e tutti. Del resto, alla fine della vita terrena, non conterà quanto abbiamo posseduto, ma quanto abbiamo amato. E chi sceglie l'amore è più facile anche che incontri la gioia e la felicità della vita, che è il dono più immenso, senza prezzo. Benvenuto a Napoli, Francesco”

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.