“Cristiani e non cristiani sono chiamati a promuovere la pace in Indonesia”

Appello alla cooperazione da parte del nuovo ministro per gli affari religiosi. "Cristiani e non cristiani promuovano la pace in Indonesia", esorta il musulmano Yaqut Cholil Qoumas

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00

Passo in avanti verso una reale libertà di culto in Indonesia. Il neo-ministro degli Affari religiosi, il musulmano Yaqut Cholil Qoumas si è rivolto alla popolazione cristiana dell’arcipelago. Un’uscita ufficiale che costituisce un segnale di speranza per la pacificazione religiosa in Indonesia.Indonesia

Per un’Indonesia pluralista

Il ministro degli affari religiosi ha effettuato la sua prima visita alla comunità cristiana partecipando a una celebrazione nella chiesa cristiana Immanuel. Nella città di Semarang, nella provincia di Java centrale. E, riferisce l’agenzia missionaria Fides, ha rimarcato la sua intenzione. “Volere essere “ministro degli affari religiosi per tutte le religioni. Non solo per una fede”. Yaqut ha trasmesso un messaggio a tutte le comunità religiose indonesiane. Invitandole a fare della religione una fonte di ispirazione. Una fonte di pace per “diffondere l’amore vicendevole“. Assicura Gus Yaqut: “L’Indonesia è una nazione pluralista, composta da varie etnie, religioni, lingue e culture”.Indonesia

Missione condivisa

Secondo il ministro degli affari religiosi c’è un solo modo per affrontare la diversità”. E cioè: “Costruire insieme il rispetto e la stima reciproca. La diversità della nazione deve essere affrontata con gratitudine. Come una ricchezza. E come un dono di Dio stesso”. Da qui l’appello a tutti gli indonesiani. Per vivere con questo approccio il pluralismo culturale e religioso della nazione”Indonesia

Promuovere la pace

Compito dei cristiani è impegnarsi in una “partecipazione attiva nella società“. Contribuendo a creare “un’atmosfera di pace e armonia”. E continuando a “sostenere il governo per lo sviluppo dell’Indonesia”. Quindi “cristiani e non cristiani sono chiamati a promuovere la pace in Indonesia“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.