Sostegno dell’episcopato del Costa Rica a “Traditionis Custodes”

La Conferenza episcopale della Costa Rica (Cecor) esprime piena adesione al Motu proprio con il quale papa Francesco stabilisce le linee guida sulle celebrazioni con la liturgia anteriore alla riforma del 1970.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
costa

Non autorizzato in Costa Rica il Missale Romanum. La Conferenza episcopale della Costa Rica (Cecor) esprime sostegno e adesione al Motu proprio Traditionis Custodes”. Pubblicato da Papa Francesco. Con il quale stabilisce le linee guida sulle celebrazioni con la liturgia anteriore alla riforma del 1970.Costa

Discernimento

L’episcopato della Costa Rica evidenzia che “si tratta di una questione che da tempo occupa l’attenzione di noi vescovi”. Ciò è accaduto prima di tutto a livello diocesano. Dove “ognuno di noi ha fatto il proprio discernimento. Ascoltando le diverse voci e preoccupazioni che sono sorte”. Poi, il tema è stato affrontato “in modo collegiale”. Aprendo anche “le nostre considerazioni alle istanze della comunione universale della Chiesa”.Costa

In Costa Rica

Secondo i vescovi della Costa Rica, “non c’è da noi alcuna giustificazione oggettiva per l’uso della liturgia anteriore alla riforma del 1970”. E “coloro che mostrano affinità per le forme antiche non sempre esprimono la loro valutazione della validità. E legittimità della riforma liturgica. Dei dettami del Concilio Vaticano II. E del magistero dei Sommi Pontefici”. Perciò l’episcopato della Costa Rica afferma che “essendo abrogati le precedenti norme, istruzioni, concessioni e consuetudini, non è d’ora in poi autorizzato l’uso del Missale Romanum del 1962. O di qualsiasi altra espressione della liturgia anteriore al 1970”. Al tempo stesso i vescovi chiedono che il Concilio Vaticano II e la liturgia da esso scaturita siano “valorizzati nella formazione dei seminaristi“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.