Comunità Papa Giovanni: oggi l'ordinazione di don Marco Mondelci

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:17

Festa grande a Fabriano dove oggi alle 18, nella cattedrale di San Venanzio, monsignor Stefano Russo conferirà l'Ordine sacro a don Marco Mondelci. Originario di Chiaravalle ma da oltre sette anni nella diocesi di Fabriano-Matelica, il novello sacerdote ha 37 anni. Ha iniziato a sentire la sua vocazione mentre ad Ancona era attivo come volontario accanto ai senza tetto. Un impegno con la Tenda di Abramo di Falconara, il centro Caritas di Ancona, i Missionari Saveriani e le suore della Mensa di Padre Guido. Fino all'incontro con la Comunità Papa Giovanni XXIII di don Oreste Benzi. E a quasi dieci anni dalla scomparsa del fondatore (la ricorrenza sarà il prossimo 2 novembre), la Comunità ora può contare su un nuovo “frutto spirituale”, come lo ha definito il direttore di In Terris, don Aldo Buonaiuto, che ha avuto un ruolo fondamentale nella formazione di don Marco. Che non dimentica di ringraziare la sua famiglia, che ha contribuito in maniera decisiva nella decisione di questa importante scelta di vita.

Ora don Marco è impegnato in una delle case d'accoglienza dell'Associazione Papa Giovanni XXIII che danno rifugio e affetto alle ragazze strappate alla strada e alla violenza dei cosiddetti “protettori”. “Da seminarista – racconta – ho avuto la possibilità di crescere e maturare come persona. Ho vissuto in questa casa di accoglienza di Fabriano, condividendo la mia vita con ragazze profondamente ferite. Per me è stato, e lo è ancora oggi, un laboratorio importantissimo di formazione umana e comunitaria”. Una formazione destinata certamente a continuare, come ha detto proprio questa mattina il S. Padre nel suo discorso a un convegno organizzato dalla Congregazione per il clero. Don Marco celebrerà domani alle 10 la sua prima Messa a Pongelli, frazione di Ostra. A don Marco giungano gli auguri sinceri della nostra redazione per un cammino fruttuoso al servizio della Chiesa e della Comunità.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.