Come la delusione si trasforma in grazia quando incontriamo il Signore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:02

«“Duc in altum! ” Il comando di Cristo è particolarmente attuale nel nostro tempo, in cui una certa mentalità diffusa favorisce il disimpegno personale davanti alle difficoltà». Così scriveva San Giovanni Paolo II nel suo ultimo messaggio per la Giornata Mondiale di preghiera per le vocazioni: questo perché anche noi, di fronte alla “Santità di Dio”, come Simon Pietro dopo la pesca miracolosa, possiamo scoraggiarci e dire «Signore, allontanati da me, perché sono un peccatore».

Una reazione inevitabile, perché ci rendiamo conto di quanto sia grande e Misericordioso il Signore e di come noi siamo invece poveri, inadeguati: ma Lui, come con San Pietro, ci rassicura. Non temere! non aver timore di questo che vedi, perché seguirmi è un mio dono, un regalo che devi soltanto accogliere. Questo farà di noi dei testimoni autentici dell’opera del Signore, di come Dio si serva della nostra debolezza e dei nostri sbagli per fare grandi cose.

L’esperienza della fede passa sempre attraverso un fallimento, nasce dalle delusioni che tante volte sperimentiamo dalle cose o dalle persone in cui avevamo riposto le nostre speranze: pensavo che quella promozione sul lavoro mi avrebbe finalmente reso la vita felice, che accumulare tanti soldi mi avrebbe dato serenità. Invece abbiamo trovato la nostra rete “vuota”, come quella di Simone.

Per questo il profeta Geremia nella prima lettura di questa domenica ci ammonisce: «Maledetto l’uomo che confida nell’uomo, e pone nella carne il suo sostegno, allontanando il suo cuore dal Signore».

Una delusione che però si trasforma in Grazia quando incontriamo il Signore: solo allora saremo disposti a gettare di nuovo le nostre reti, potremo incominciare a riconoscere che è arrivato il momento di fidarci di Gesù, perché “Sulla Sua parolatroveremo finalmente quella pienezza che renderà la nostra vita meravigliosa.

Sarà naturale, come hanno fatto quel giorno gli apostoli, lasciare le nostre “inutili barche”, quelle false sicurezze su cui abbiamo tanto sperato, e cominciare a seguire Cristo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.