Chiude una chiesa, sarà venduta a un euro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:00

Europa occidentale dal doppio volto. Se oggi in Francia si festeggia e si prega per la riapertura della cattedrale di Notre Dame di Parigi (alle 18 si celebra la prima Messa dopo il devastante incendio del 16 aprile scorso), nel vicino Belgio si recita un ideale de profundis per l'ennesima chiesa che chiude i battenti, dopo che domenica scorsa è stata celebrata l'ultima Messa. 

La chiesa che chiude

Accade a Binche, nella zona vallona del Paese, dove la chiesa del Santo Sacramento ha chiuso e sarà venduta per la cifra simbolica di 1 euro. Potrebbe essere trasformata, scrive il portale cattolico CathoBel, in un albergo. Il problema sarebbe legato ai costi di gestione e restauro che la Chiesa non riusciva più a sostenere. La chiesa del Santissimo Sacramento di Binche – ricorda l'Ansa – non è l'unica a subire questo destino in Belgio. Molti altri edifici religiosi, il cui numero esatto è sconosciuto, sono stati o saranno utilizzati per scopi diversi dal culto. Alcune chiese sono state trasformate, nel recente passato, anche in birrerie.

La Chiesa belga non si oppone

Come si legge su Cnews, la Chiesa cattolica belga, che non ha voluto rivelare il numero di chiese che potrebbero subire lo stesso destino, non si oppone in linea di principio alla loro riconversione. “In alcuni quartieri, che ad esempio oggi hanno una maggioranza di popolazione musulmana, è abbastanza comprensibile che le chiese siano meno affollate, quindi potremmo trovare loro altre funzioni”, dice il portavoce dei vescovi belgi, padre Tomm Scholtes.

I precedenti

Che il numero di chiese che chiudono i battenti sia impressionante in questo angolo d'Europa lo testimonia il fatto che un sito locale, La Capitale, informa di un altro luogo di culto dedicato al Preziosissimo Sangue a Uccle, nei pressi di Bruxelles, dopo la Messa del Corpus Domini del 23 giugno, sarà chiusa. Come riportato in un'inchiesta del gennaio 2018 pubblicata su In Terris, in Belgio e Olanda, terre in cui nel ‘500 le chiese furono bersaglio della furia iconoclasta dei protestanti, oggi si assiste sempre più spesso alla loro sconsacrazione e a nuove destinazioni d’uso: esiste persino un sito che cataloga le ex chiese diventate altro. Non sempre, tuttavia, la secolarizzazione trionfa. Nell'estate del 2016 ebbe eco internazionale quanto avvenne a Parigi, dove un cospicuo gruppo di fedeli fece resistenza fisica per impedire l'abbattimento di una chiesa dedicata a Santa Rita. Fu un tentativo eroico, ma inutile. I manifestanti furono trascinati fuori dalla forza pubblica, la chiesa venne giù a colpi di ruspa e al suo posto oggi c’è un ampio parcheggio. Il loro gesto resta però una testimonianza di una fede che non arretra.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.