Cei: “Non c’è libertà né uguaglianza senza fraternità”

Appello ai movimenti ecclesiali del presidente della commissione episcopale per il laicato: “Senza fraternità, libertà e uguaglianza c'è il rischio di chiudersi nell’individualismo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
fraternità
Il Consiglio Permanente Episcopale (Fonte: CEI)

La fraternità al centro della missione ecclesiale. “Non c’è libertà. Non c’è uguaglianza. Se non c’è fraternità”. Monsignor Angelo Spinillo è il vescovo di Aversa. E il presidente della commissione episcopale per il laicato. Al convegno dell’Azione cattolica rilancia l’esortazione di papa Francesco. In un mondo che “sembra aver smarrito ogni altra certezza ideale”. La fraternità ha “qualcosa di positivo da offrire”. Alla libertà. E all’uguaglianza. Perché senza di essa sia la libertà sia l’uguaglianza finiscono per “chiuderci in una forma di individualismo“. E ciò “non ci rende più liberi o uguali”. Ma “ci disperde nel vortice delle ambizioni soggettive“. E confonde libertà e uguaglianza con il “solo proprio diritto di sopravvivenza“.fraternità

Fraternità al centro

La fraternità, evidenzia il presule, “nasce nella consapevolezza dell’essere chiamati alla vita”. E permette all’umanità di “rendersi conto di quanto vale un essere umano. Sempre e in qualunque circostanza”. La fraternità, secondo monsignor Spinillo, può essere davvero “fondamento del vivere della società umana“. In grado di “affermare la libertà che fa vivere ciascuno dei suoi membri”. E l’uguaglianza “ne rispetta la persona. E ne valorizza i talenti“.fraternità

Insieme

“Per questo, come cristiani, non possiamo non celebrare insieme l’eucarestia– sottolinea il vescovo all’Azione cattolica-. I nostri incontri non sono solo occasione di discussione. Ma anche condivisione fraterna della comune origine nell’amore di Dio. E della comune vocazione a vivere in comunione con l’amore di Dio”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.