Caritas Libano, svolto un seminario al fine di sensibilizzare in merito alla difficile situazione attuale

Caritas Libano, nel corso della presentazione di un report, ha descritto le problematiche e la difficile situazione che sta vivendo la Repubblica dei Cedri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:01
caritas

Il 4 agosto di quest’anno ricorrerà il primo anniversario dell’esplosione avvenuta in Libano, precisamente al porto di Beirut, la quale ha causato 204 decessi, 6500 feriti e 300 mila sfollati. Ad un anno di distanza la situazione della Repubblica dei Cedri resta drammatica tanto che, secondo i dati recentemente diffusi dall’Organizzazione delle Nazioni unite per l’Infanzia, oltre il 77% delle famiglie libanesi l’ha dichiarato di non avere cibo sufficiente per garantire dei pasti dignitosi e, contestualmente a ciò, nel 30% dei nuclei familiari almeno un bambino non ha effettuato un pasto a decorrere dal marzo 2021.

Il seminario di Caritas Libano sulla situazione attuale del Paese

Tanto premesso, al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica internazionale sulla difficile situazione del paese, Caritas Libano ha organizzato un seminario online nella quale sono stati esemplificati i problemi che, in questo delicato momento storico, affliggono il Libano. In particolare, il presidente di Caritas Libano Padre Michel Abboud e Rita Rhayem, consulente per la strategia internazionale di Caritas Libano, hanno sottolineato che, a causa della sopraccitata esplosione in correlazione alla crisi economica e sociale che, già in precedenza, lambiva il paese, allo stato attuale vi è una forte inflazione con un tasso superiore al 40% ed una conseguente gravissima crisi del carburante che sta minacciando i vari settori produttivi del paese con rincari che giungono fino all’ 80%. In seconda istanza, il presente report, ha sottolineato che, a causa della mancanza di aiuti governativi, le scuole cattoliche che forniscono una istruzione di elevata qualità ad oltre 2/3 degli studenti degli istituti convenzionati libanesi. Successivamente, nel corso di tale seminario, è stata sottolineata la difficoltà che sta attraversando la sanità pubblica in relazione alla pandemia da Covid – 19 ma anche alla cura delle patologie ordinarie vista la scarsità di energia elettrica, medicinali ed attrezzature mediche vitali.

L’azione di sostegno espletata dalla Caritas

In conclusione, è fondamentale ricordare che, nel corso dell’attuale emergenza economica, sanitaria e sociale Caritas Libano ha posto in essere una fondamentale azione di sostegno ed ha distribuito 245.000 pasti caldi, 17.000 kit di cibo freddo ed ha contestualmente effettuato 2000 esami sanitari, 7700 visite mediche, 4600 prestazioni di cure infermieristiche e 1500 visite di primo sostegno psicologico ed ha contribuito alla riapertura di 2000 negozi e alla ricostruzione di diverse abitazioni residenziali.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.