Nuove indigenze, fondi straordinari della Caritas

Caritas: a Lamezia Terme è stata avviata la ristrutturazione di un dormitorio per le nuove povertà. Sorgerà in un immobile in comodato d'uso gratuito per dieci anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
deboli

La realizzazione dei lavori è stata possibile grazie ai fondi straordinari della Caritas italiana. Previsti con i contributi dell’8xmille alla Chiesa cattolica. Sono seguiti dall’Ufficio tecnico della diocesi di Lamezia Terme. E dovrebbero essere completati entro la fine dell’estate.caritas

Iniziativa della Caritas

A Lamezia Terme sono iniziati i lavori di ristrutturazione dell’immobile nel quartiere di Sant’Eufemia. Ospiterà il dormitorio diocesano. Dopo il rinnovo della concessione in comodato d’uso gratuito. Rilasciata dal comune di Lamezia Terme alla Caritas diocesana. Per la gestione della struttura. Una risposta ai bisogni emersi soprattutto in pandemia. A supporto delle fasce più deboli della società.Caritas

Comodato gratuito

In base all’accordo stipulato con il comune, la Caritas avrà in comodato gratuito l’immobile per dieci anni. Impegnandosi ad effettuare gli interventi di manutenzione sulla struttura. Nel giardino del dormitorio, in una casetta in legno, sarà predisposto, un luogo per la quarantena Covid. E’ stato papa Francesco a sollecitare su scala mondiale un “differente approccio alla povertà“. Indicando l’urgenza di un “lungimirante modello sociale”. Capace di andare incontro alle “nuove forme di povertà”. Che investono il mondo. E “segneranno in maniera decisiva i prossimi decenni”. A ciò Jorge Mario Bergoglio dedica il messaggio per la quinta giornata mondiale dei poveri. “Messi ai margini, come se fossero i colpevoli della loro condizione”. La conseguenza è che “il concetto stesso di democrazia è messo in crisi. E ogni politica sociale diventa fallimentare“.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.