C9, AL VIA LA NONA SESSIONE DEL CONSIGLIO DEI CARDINALI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:30

Si è riunito nuovamente stamane il Consiglio di cardinali formalmente istituito dal Papa con un suo chirografo il 28 settembre 2013 “con il compito di aiutarmi nel governo della Chiesa universale e di studiare un progetto di revisione della Costituzione Apostolica Pastor bonus sulla Curia Romana”. Papa Francesco ha partecipato, e lo farà anche domani e mercoledì, a questa nona sessione del Consiglio dei nove Cardinali (C9). Oltre al Segretario di Stato, il Card. Pietro Parolin, fanno parte del Consiglio di Cardinali l’italiano Giuseppe Bertello, il cileno Francisco Javier Errázuriz Ossa, l’indiano Oswald Gracias, il tedesco Reinhard Marx, il congolese Laurent Monsengwo Pasinya, l’americano Sean Patrick O’Malley, l’australiano George Pell, l’honduregno Andrés Rodríguez Maradiaga, che è anche l’attuale coordinatore del gruppo.

L’ultima riunione si era tenuta nel febbraio scorso, l’attuale concistoro, che impegnerà i nove porporati in Vaticano fino a mercoledì prossimo, è “un organo consultivo” ribadiscono dalla Santa Sede. Esso era già previsto dal Concilio Vaticano II ma non era stato mai realizzato. I precedenti otto incontri hanno avuto luogo nei giorni: 1-3 ottobre 2013, 3-5 dicembre, 17-19 febbraio 2014, 27-30 aprile, 1-4 luglio, 15-17 settembre, 9-11 dicembre e 9-11 febbraio 2015. Non vi è un ordine del giorno ufficiale degli incontri, ma tra i temi sul tavolo: la riorganizzazione dei dicasteri vaticani (congregazioni e pontifici consigli), il nodo dei mass media vaticani e, dopo le prime sostanziose riforme economiche, le novità preannunciate dal cardinale George Pell, prefetto della Segreteria dell’Economia, di recente: per maggio l’approvazione dei diversi bilanci di Vaticano e Santa Sede, con successiva pubblicazione, e in tempi brevi anche la nomina del nuovo ufficio del Revisore generale, un laico, e l’approvazione degli statuti dell’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica (Apsa).

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.