I vescovi in campo per la pacificazione della Bolivia

“Come una madre che vede i propri figli litigare, la Chiesa cerca in ogni modo di pacificare”: l’impegno dei vescovi per l'unità dei boliviani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Bolivia

Dopo l’inizio del mandato delle nuove autorità, la Bolivia ha iniziato una nuova pagina della sua storia democratica. In un contesto molto fragile. Perché non c’è una maggioranza politica nei posti di governo. “La Chiesa è stata scelta come facilitatrice del dialogo per la pacificazione del paese. Per la sua enorme esperienza lungo la storia della nazione“, rileva l’analista politico Bryan Peñaranda. In una intervista a “Iglesia Viva”. Organo di informazione della Conferenza episcopale (Ceb). A proposito del documento “Memoria dei Fatti nel processo di pace”. Pubblicato dalla Ceb. E rilanciato in questi giorni dai mass media del paese.Bolivia

Bolivia nel caos

L’episcopato ha espresso la sua profonda preoccupazione. Per la situazione del paese. Chiedendo la fine della violenza tra i boliviani. E incoraggiando il dialogo tra le parti per risolvere il conflitto. Con la dichiarazione “Comprensione e pace. Verità e giustizia”. Oggi,  riferisce Fides, “i vescovi sono preoccupati per le varie informazioni che circolano nel Paese”. E sono convinti della “necessità di conoscere la verità“. E da lì “ricostruire l’unità nazionale”.

Il presidente della Bolivia, Luis Arce

Punti di accordo

La Chiesa cattolica in Bolivia nel 2019 ha dimostrato di mantenere il suo impegno di pacificare il paese. Dopo la presentazione dei punti dell’accordo raggiunto tra rappresentanti. Della Conferenza episcopale boliviana. Dell’Onu. E dell’Unione Europea. Dal punto di vista geopolitico, i primi accordi per negoziare il futuro pacifico della Bolivia sono riusciti. Non solo perché in Bolivia esiste un vuoto istituzionale. Ma perché il popolo boliviano ha fiducia in coloro che si sono messi allo stesso livello di vita e sofferenza della gente comune. Come vescovi, sacerdoti e religiosi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.