Rifugiati in Bangladesh, la Chiesa si mobilita contro tutte le persecuzioni religiose

Appello alla comunità internazionale del cardinale D'Rozario: "Garantire dignità e protezione ai Rohingya"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Bangladesh
Campo profughi Rohinya in Bangladesh

Stop alle persecuzioni religiose in Bangladesh. “Apriamo i nostri cuori alle persone che hanno bisogno del nostro sostegno. Per garantire la loro esistenza in questo mondo”, afferma all’agenzia missionaria vaticana Fides il cardinale Patrick D’Rozario. Il porporato ha visitato nei giorni scorsi il più grande campo profughi del mondo a Cox’s Bazar. Dove vivono 1,1 milioni di Rohingya. Prosegue il cardinale: “Siamo accanto a loro. Chiediamo solidarietà alle persone di altre nazioni. Quando sono arrivato qui per la prima volta, tutti erano tristi. Non si avvicinavano nemmeno chiamandoli. Ora vedo campi ben organizzati. E stanno vivendo in modo umano”.Bangladesh

Sos Bangladesh

Racconta monsignor Patrick D’Rozario: “I Rohingya riescono a soddisfare alcune necessità di base della loro vita. E dispongono di rifugi dignitosi. E’ un passo avanti. Ho parlato del ruolo della Caritas. La dedizione. L’assistenza. Una buona pianificazione degli aiuti. Tutto ciò ha davvero dato all’ambiente un volto umano”. Naturalmente l’auspicio è che i Rohingya possano tornare nella loro terra natale. In Myanmar: “Ma questa non è semplicemente una decisione bilaterale. Tra Myanmar e Bangladesh. La comunità internazionale si sta impegnando per questo. Ed è coinvolta”.Bangladesh

Assistenza

Caritas Bangladesh opera in Cox’s Bazar accanto all’UNHCR. L’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati. Mettendo a disposizione un centro comunitario e 175 rifugi per i residenti del campo. Diversi programmi di assistenza sociale promossi da Caritas Bangladesh stanno aiutando i rifugiati Rohingya. Nella promozione umana. Per favorire condizioni di vita dignitose.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.