Domani Francesco festeggia 8 anni di pontificato. La gratitudine della Chiesa argentina

Argentina: i vescovi scrivono al Papa a otto anni dalla sua elezione a soglio pontificio, “affetto filiale, grazie per l’Anno di san Giuseppe e la visita in Iraq”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Argentina

Ottavo anniversario del pontificato di Francesco. Messaggio di gratitudine della Chiesa argentina al Papa. I membri della Commissione permanente della Conferenza episcopale argentina (Cea) hanno salutato ed espresso il loro “affetto filiale” a Papa Francesco. Alla vigilia del 13 marzo. Ottavo anniversario della sua elezione a successore dell’apostolo Pietro. Il messaggio viene riportato dal Sir, l’agenza di stampa dei vescovi italiani.

Argentina
Papa Francesco in Iraq. Fonte: Vatican Media

Patris corde

“In particolare – scrivono i Pastori dell’Argentina al Pontefice – vogliamo ringraziarvi quest’anno per la felice iniziativa dedicata al patriarca san Giuseppe”. E, aggiungono i presuli argentini, “per averci donato il documento ‘Patris corde’ che guida la riflessione delle comunità cristiane. Incoraggia la nostra preghiera. E ci invita a praticare le sue virtù”.

Argentina

La gioia della Chiesa argentina

Scrivono i vescovi dell’Argentina nel messaggio al Papa: “A lei vogliamo anche esprimere la nostra gioia per la sua recente visita in Iraq. Evento evangelizzatore che ci conferma sulla via della preghiera fraterna. Con ogni uomo che cerca Dio in spirito e verità”, prosegue la lettera. Il messaggio è stato inviato durante l’incontro della Commissione permanente dell’episcopato. E’ firmata del presidente della Cea, monsignor Oscar Vicente Ojea. E dal segretario generale, monsignor Carlos Humberto Malfa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.