Home Chiesa Cattolica Arcidiocesi di Fermo: “La bellezza è un dono di Dio e gli...

Arcidiocesi di Fermo: “La bellezza è un dono di Dio e gli artisti sono la matita del Signore”

La mostra “Alla ricerca della bellezza” dona immagini che educano chi le ammira

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Arcidiocesi

Si è svolta all’arcidiocesi di Fermo una mostra di arte contemporanea. Con un evento di “performing arts”. E’ il percorso intrapreso dall’Ufficio della pastorale del lavoro, del sociale e dell’ambiente. Assieme al Progetto Policoro. E alla Caritas diocesana di Fermo. Un’iniziativa attuata con gli artisti dell’Associazione Ucai. L’esposizione “Alla ricerca della bellezza” muove dall’esigenza di ragionare sulla responsabilità di ogni comunità. Verso il riconoscersi nel suo “habitat”. Cioè nel paesaggio in cui si animano le scene di vita e la bellezza del quotidiano.

Arcidiocesi in arte

“L’idea è quella di diffondere e trasmettere la bellezza della nostra terra. Del suo respiro. Del miracolo della vita. Al fine di alimentare la speranza. E il desiderio di prendersene cura– spiega una nota dell’arcidiocesi-. La bellezza è dono di Dio. E deve essere intesa come armonia. Tra i luoghi e la storia culturale dei nostri territori. Ciò è essenziale per il benessere dell’uomo di oggi. E delle generazioni future. L’idea di “bello” ci perviene dalle esperienze. Che percepiamo con i sensi. E danno al nostro essere piacevolezza”.arte

Visione

L’arte racconta “questa visione”, precisa l’arcidiocesi marchigiana. E dona “immagini che sottopone alla nostra attenzione“. Essa è nello stesso tempo occasione di godimento. Ed evento educativo che invita a fermarsi. A pensare. Gli artisti sono “la matita del Signore”. Essi assumono il ruolo di mediatori. Le loro opere riflettono la bellezza di Dio. Ed “elevano il nostro sguardo”.  Un evento culturale artistico che si è svolto il Giardino del Museo diocesano di Fermo. Accanto alla cattedrale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.