Home Chiesa Cattolica Camminare insieme. L’annuncio del Vangelo in parrocchia

Camminare insieme. L’annuncio del Vangelo in parrocchia

Un' iniziativa dell’Ufficio Catechistico della diocesi di Acqui

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Vangelo

“L’annuncio del Vangelo. Camminare insieme. I ragazzi, le famiglie e le comunità”. Questo il tema al centro dell’incontro per catechisti che si è svolto ieri. Un’iniziativa dell’Ufficio Catechistico della diocesi di Acqui. L’appuntamento formativo si è tenuto online sulla piattaforma Zoom. Ed è stato guidato da don Michele Roselli. Direttore dell’Ufficio Catechistico regionale della Conferenza episcopale di Piemonte e Valle d’Aosta.Vangelo

In nome del Vangelo

Nel motu proprio “Antiquum ministerium” papa Francesco ha istituito il ministero di catechista. Definendolo “testimone della fede. Maestro. Mistagogo. Accompagnatore. Pedagogo che istruisce a nome della Chiesa”. Un’identità che “può svilupparsi con coerenza e responsabilità solo mediante la preghiera. Lo studio. E la partecipazione diretta alla vita della comunità“.Vangelo

Percorsi verso il futuro

L’incontro è stata l’occasione per riprendere il dialogo tra i catechisti. E per scrutare insieme l’orizzonte che ci attende nelle nostre comunità parrocchiali. Un’opportunità per parlare di annuncio del Vangelo ai ragazzi. Alle famiglie. Alle comunità. Una riflessione collettiva per ascoltare proposte. Condividere esperienze. Suggerire percorsi. E attività per il futuro. Jorge Mario Bergoglio ha chiesto alle conferenze episcopali di rendere fattivo il ministero di catechista. Stabilendo l’iter formativo necessario. E i criteri normativi per potervi accedere. Trovando le forme più coerenti per il servizio che i catechisti sono chiamati a svolgere.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.