Ancona commemora San Giovanni Paolo II

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:59

Per Karol Wojtyla ogni visita ad una diocesi era un seme gettato in una terra fertile. Se evangelicamente l'albero si vede dai frutti, la presenza ad Ancona di San Giovanni Paolo II non è mai stata dimenticata dai fedeli.

Ankon nostra

Per il centesimo anniversario della nascita del Papa polacco che ha contribuito in modo determinante a far crollare il Muro di Berlino, l'associazione culturale “Ankon nostra”, in collaborazione con l'arcidiocesi di Ancona-Osimo e il comune di Ancona, organizza nel capoluogo marchigiano l'evento culturale e religioso “Giovanni Paolo II in terra anconetana” una mostra fotografica e un convegno a Santa Maria della Piazza (dal 2 aprile al 18 maggio). Ad aprire la rassegna sarà il 2 aprile una tavola rotonda che sarà aperta dal saluto delle autorità civili e del presidente dell'associazione culturale “Ankon nostra”, Daniele Ballanti.

Profilo pastorale e ruolo geopolitico

A moderare la conferenza sarà il giornalista Marino Cesaroni, addetto stampa dell'arcidiocesi, poi il primo intervento sarà svolto sul profilo pastorale di Karol Wojtyla da monsignor Angelo Spina, arcivescovo metropolita di Ancona-Osimo e vice presidente della Conferenza Episcopale Marchigiana. A seguire sarà presentato il libro “Chi ha paura di Giovanni Paolo II?” (Rubbettino, con la prefazione del cardinale Stanislao Dziwisz), quindi il giornalista rai e scrittore Vincenzo Varagona racconterà l'accoglienza che gli anconetani riservarono al Pontefice santo in occasione delle sue visite nella città dorica. Il 16 maggio, è in programma la seconda parte del convegno con il concerto di benvenuto del Coro da camera Le Muse diretto dalla maestra Nadia Bellelli) e le relazioni (sull'apporto di Karol Wojtyla alla dottrina sociale della Chiesa) del Giancarlo Galeazzi, direttore dell’Ufficio diocesano per la cultura, docente emerito di filosofia all’Istituto teologico marchigiano e presidente onorario della Società filosofica italiana di Ancona, (su Wojtyla  le Giornate Mondiali della Gioventù) di Marcello Bedeschi, presidente della Fondazione “Giovanni Paolo II per i giovani” e (sulla “caritatevole eredità” di Giovanni Paoli II e sul suo rapporto con le nuove generazioni) di Luca Saracini, direttore generale dell'associazione Opere Caritative Francescane Onlus e del Coordinamento italiano case alloggio Hiv/Aids-Cica.

La testimonianza di don Stanislao 

“Avendo avuto l’enorme privilegio di stare accanto a Karol Wojtyla per quasi quarant’anni, dodici a Cracovia e ventisette in Vaticano, sento assolutamente il dovere testimoniare la grandezza di Giovanni Paolo II, la sua spiritualità, la sua umanità, il suo coraggio apostolico, la sua santità- osserva lo storico segretario di Karol Wojtyla nella prefazione del libro che verrà presentato ad Ancona-. Dovevo assolutamente testimoniare come l’opera di questo Papa sia stata decisiva, sia in rapporto al rinnovamento della Chiesa (attraverso l’azione purificatrice del Giubileo del 2000, l’attuazione dei documenti del Concilio Vaticano II, e l’avvio di una nuova evangelizzazione a livello mondiale), sia in riferimento alla storia, anche politica, del Novecento (con il contributo dato alla 8 caduta del Muro, al tramonto del marxismo, ma anche al ritorno alla democrazia in America Latina, così come all’allargamento degli spazi di libertà in Africa e in Asia)”. E, aggiunge il porporato, “nessuno potrà negare che la Chiesa lasciata da Giovanni Paolo II fosse profondamente cambiata rispetto a quella che lui aveva preso nelle sue mani il 16 ottobre del 1978”.

Comunicare il Vangelo

Nessuno potrà negare “la vasta trasformazione messa in opera da Papa Wojtyla all’interno (una Chiesa che fosse meno gerarchica, meno istituzionale, meno clericale, e sempre seguendo la via tracciata dal Vaticano II) e all’esterno (qui specialmente con il sostegno dei viaggi, un Papa comunicatore del Vangelo nel mondo, e con un nuovo atteggiamento nei riguardi della modernità, senza paura, senza complessi)”. Poi, “ci furono anche degli aspetti negativi. Ci furono resistenze al “nuovo”, sia nella Curia romana sia in parecchi episcopati”. E del resto è inevitabile che un Papa, nella sua azione di governo, subisca dei condizionamenti, e che non possa sempre decidere tutto o, almeno, decidere come avrebbe voluto. Perciò, “se non aiutato, se non sostenuto dal Collegio episcopale, un Papa può incontrare grosse difficoltà a risanare certe situazioni particolarmente gravi, vergognose. Penso sia successo qualcosa del genere per la questione pedofilia”. Allo scoppiare dello scandalo, specialmente negli Stati Uniti,” ci fu un perfetto accordo nel come affrontarlo tra il Santo Padre e il cardinale Joseph Ratzinger, prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede”. E ci fu ugualmente “un pieno accordo, nell’aprile del 2001, quando si decise che l’abuso sessuale di un minore da parte di un chierico venisse inserito nell’elenco dei delitti canonici riservati esclusivamente all’ex Sant’Offizio.

Una leadership autentica

“Giovanni Paolo II era un vero leader. “Un leader naturale – come osservò acutamente il cardinale Camillo Ruini – e tuttavia (cosa rara) non esclusivo, bensì alla ricerca di altri leader che lavorassero al suo fianco”. Ecco com’era papa Wojtyla. “Si comportava così. Governava così. Ma, evidentemente, non tutti, tra quanti detenevano una responsabilità, in Curia o negli episcopati o nelle diocesi, seguirono quella linea di condotta- racconta il cardinale Dziwisz-. La collegialità episcopale non sempre funzionò bene. Con il risultato di ritardare gli interventi per stroncare questo male spaventoso”. Due parole anche sulla vicenda di Marcial Maciel Degollado, fondatore dei Legionari di Cristo. A parte la “bravura” del personaggio nei depistaggi, nei ricatti, e nel riuscire a bloccare ogni inchiesta nei suoi confronti; a parte questo, “Il Santo Padre, quando lo incontrò, non sapeva nulla! Assolutamente nulla! Per lui, era ancora il fondatore di un grande ordine religioso, e basta! Nessuno gli aveva detto niente! Neppure delle voci che giravano!”. Semmai c’è da chiedersi perché chi aveva sentito queste “voci” in giro, non avesse avvertito il Santo Padre o, almeno, qualcuno dei suoi collaboratori. “Vorrei ricordare ancora una volta la grandezza di questo Papa e sollecitare una nuova vera attenzione all’eredità che san Giovanni Paolo II ci ha lasciato. Una eredità che, se approfondita nelle sue molte prospettive, potrebbe essere di grande aiuto nel portare finalmente a compimento la riforma della Chiesa nella linea del Concilio“, sostiene don Stanislao.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.