Convegno su Papa Francesco e difesa dell’ambiente. “Siamo tutti sulla stessa barca”

Diocesi di Melfi-Rapolla-Venosa, oggi l’incontro “Transizione ecologica: quale futuro?”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
ambiente

Sos ambiente. Nell’enciclica “Laudato si’” papa Francesco evidenzia che la terra, maltrattata e saccheggiata, richiede una “conversione ecologica”. Un “cambiamento di rotta”. Affinché l’uomo si assuma la responsabilità di un impegno. Per “la cura della casa comune”. Impegno che include anche lo sradicamento della miseria. L’attenzione per i poveri. L’accesso equo, per tutti, alle risorse del pianeta.ambiente

Transizione ecologica

“Transizione ecologica: quale futuro?”. E’ la domanda che fa da sfondo all’incontro promosso dalla diocesi di Melfi-Rapolla-Venosa. Oggi alle ore 18. In piazza duomo, a Melfi. Con l’invito a difendere “la nostra casa comune”. Ricordando le parole di Papa Francesco. “Siamo tutti sulla stessa barca. E siamo chiamati a impegnarci perché non ci siano più muri che ci separano. Non ci siano più gli altri. Ma solo un noi. Grande come l’intera umanità”, sottolinea il Pontefice. E la diocesi lucana, riferisce il Sir, esorta: “L’ambiente è la nostra casa. Dobbiamo tutti averne cura!”.ambiente

Salvaguardia dell’ambiente

L’appuntamento di oggi pomeriggio sarà aperto da Donatina Allamprese. Responsabile dell’Ufficio diocesano per la pastorale del lavoro e la legalità. Interverranno Umberto Ronga. Su “Le transizioni in atto. Ecologica. Digitale. Democratica”. Leonardo Setti. Docente di Transizione energetica all’Università di Bologna. Su “Le risorse nella transizione ecologica”. Padre Alex Zanotelli. Su “Il grido dei poveri della Terra. L’acqua risorsa di tutti”. Concluderà il vescovo di Melfi-Rapolla-Venosa, monsignor Ciro Fanelli.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.