Alì Agca sulla tomba di Wojtyla alla ricerca di visibilità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:39

“Sentivo la necessità di fare questo gesto”: così Ali Agca ha spiegato negli uffici dell’Ispettorato di Polizia la sua intenzione di portare dei fiori sulla tomba di Papa Wojtyla al quale sparò nel 1981. L’uomo stamattina è stato riconosciuto in piazza San Pietro da un poliziotto che l’ha accompagnato negli uffici dell’Ispettorato Vaticano per un controllo sui documenti e vi è rimasto per circa mezz’ora. Poi è uscito per andare a rendere omaggio a Giovanni Paolo II. Proprio nel giorno dell’anniversario della visita che Karol Wojtyla compì in carcere al suo attentatore, il 27 dicembre 1983, l’ex terrorista turco è arrivato a sorpresa in Italia dall’Austria e con un mazzo di fiori in mano si è diretto alle Grotte Vaticane depositandolo sul marmo che conserva le spoglie del Pontefice polacco.

Alì Agca attentò alla vita di Giovanni Paolo II il 13 maggio 1981, sparando contro il pontefice un colpo di pistola a piazza San Pietro. In un’intervista all’Ansa, il 15 dicembre scorso, Agca aveva in qualche modo preannunciato questa visita in Vaticano. “Vorrei andare sulla tomba di Giovanni Paolo II, che mi ha fatto visita in carcere. Non ho potuto partecipare ai suoi funerali e quindi vorrei rendergli omaggio come a un fratello spirituale”, aggiungendo però che il Governo non gli concedeva il visto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.