Al Pontificio Ateneo S.Anselmo un Congresso di Bioetica interconfessionale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

Per rispondere concretamente alle sollecitazioni pastorali di Papa Francesco sulla famiglia, il Pontificio Ateneo S.Anselmo ha organizzato un Congresso Internazionale di Bioetica che si terrà presso lo stesso istituto il 5-6 dicembre 2014. Il tema del Congresso sarà la “famiglia e le relazioni umane: per una bioetica esistenziale dalle persone alle relazioni, tra scienza, cultura e religione”. Ad aprire la due giorni di lavori sarà il Presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, Monsignor Vincenzo Paglia, che dalle 9.15 alle 10 di venerdì 5 dicembre parlerà delle “Radici bibliche e socio-religiose della famiglia: la sfida della modernità”.

Il congresso, scientifico-interconfessionale, vuole dare un contributo specialistico alla causa familiare nel periodo in mezzo ai due Sinodi sulla famiglia, straordinario (appena conclusosi) e ordinario (dal 4 al 25 ottobre del prossimo anno), rispondendo alle sfide lanciate da una parte dall’affermazione di diritti e libertà internazionali senza precedenti, e dall’altra dalla difficoltà di riflessione e d’inculturazione di temi bioetici.
I professori di bioetica dell’Ateneo insieme al Decano della Facoltà di Teologia P.Stefano Visintin propongono questa iniziativa a tutti coloro che desiderano parteciparvi, con particolare riguardo agli operatori pastorali, come occasione di formazione personale, scientifica, umana e spirituale.

All’interno del congresso è previsto anche un confronto ecumenico e interconfessionale sulle tematiche in esame. Gli esperti che interverranno cercheranno di portare un proprio punto di vista scientifico che esalti la dignità della persona e il sensum fidei dei credenti, aiutando con le loro osservazioni a fare chiarezza sulla reale natura della famiglia e sui suoi diritti. Le iscrizioni devono essere comunicate con anticipo alla Segreteria Generale dell’Ateneo e il costo di partecipazione è di 20 euro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.