Sos terrorismo in Africa occidentale. Grido d’allarme della Società per le Missioni

Terrorismo e violenza: situazione insostenibile nei paesi dell’Africa occidentale. Allarme dei missionari

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Africa

Ad ovest l’Africa brucia. “La subregione dell’Africa occidentale sta purtroppo diventando il bastione del terrorismo nel continente. Una situazione che diventa sempre più preoccupante”, spiega a Fides padre Donald Zagore. Il teologo ivoriano della Società per le Missioni Africane esprime tutta la sua preoccupazione. E l’allarme per la situazione dell’area. Si estende il conflitto tra forze governative e gruppi armati. Legati a Isis e al-Qaeda. Nella parte occidentale del Sahel. Devastata gran parte della regione nell’ultimo decennio. L’effetto è una crescente crisi umanitaria. 7.000 persone sono morte a causa dei combattimenti lo scorso anno. E, secondo l’Onu, le continue violenze hanno aggravato lo sfollamento interno. Oltre due milioni di persone.Africa

A ovest l’Africa brucia

Aggiunge padre Zagore: “Aumentano gli sfollati e i morti. Intere popolazioni vivono in condizioni di totale precarietà. Non ce la fanno più. Instabilità politica quasi permanente. Violazione dei valori democratici. Corruzione su vasta scala. Povertà sempre più accentuata. Ascesa al potere dei cartelli della droga e dell’oro clandestino. Che contribuiscono enormemente al finanziamento del terrorismo. Ad uscirne distrutte sono le condizioni sociali, politiche ed economiche in questa parte dell’Africa”.Africa

Disuguaglianze sociali

In Mali, Burkina Faso e Niger la disoccupazione giovanile e la mancanza di opportunità economiche sono la causa principale della violenza. Spingendo molti giovani a unirsi a gruppi armati. In Africa Occidentale un’ élite dell’1% possiede ricchezza più di tutto il resto della popolazione. E i governi non fanno abbastanza per ridurre la disuguaglianza. Attraverso politiche come la tassazione e la spesa sociale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.