A MILANO UNA PREGHIERA INTERRELIGIOSA PER LA PACE E LA SOLIDARIETÀ

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:38

È previsto per sabato 4 aprile, vigilia di Pasqua, “Un momento di fratellanza, di solidarietà, di pace e di spiritualità” alla Stazione Centrale a Milano. Inizierà alle 14 la preghiera inter-religiosa che vedrà la partecipazione di alcuni esponenti di varie religioni riunirsi e pregare insieme per sottolineare che tutti sono “figli dello stesso Padre”, non si cercheranno le differenze, ma i punti di contatto tra le persone appartenenti ai diversi culti ed etnie,

Dalle 14 alle 14,30 pregheranno insieme: monsignor Franco Buzzi, Prefetto della Biblioteca Ambrosiana; Abdallah Tchina e Mohsen Mouelhi, Imam; Davide Piccardo, Presidente della Comunità islamica milanese; Daniele Nahum, esponente della Comunità ebraica milanese; Julim Barbosa, Pastore della Chiesa evangelica pentecostale; Giuseppe Platone, Pastore della Chiesa evangelica valdese; Padre Ambrogio Mahar, Sacerdote della Chiesa ortodossa russa; Giovanna Giorgetti, leader della Comunità buddista tibetana. Saranno presenti anche alcuni appartenenti ai Templari cattolici, con le loro caratteristiche tuniche.

 

A seguire ci sarà una festa che vedrà coinvolti anche i clochard che trovano riparo presso la stazione centrale di Milano. Verranno distribuite uova di cioccolato, colombe, generi alimentari e bevande. i cibi sono stati procurati dall’Associazione City Angel e dalla Coop.  con i senzatetto che trovano riparo intorno allo scalo ferroviario e che vengono aiutati dai volontari dell’associazione “City Angels”.   accadrà il 4 aprile, Sabato Santo, vigilia di Pasqua, in piazza Duca d’Aosta di fronte all’hotel Gallia.

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.