Youtuber 17enne prende l’auto da 3,4 milioni del padre e si schianta

Il giovane, famoso per i suoi video su Youtube, si è messo al volante di una Pagani Huayra da 800 cv. La corsa è finita subito, fortunatamente senza conseguenze gravi. E con video postato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:15

Trentaquattro milioni e mezzo di dollari. Tanto costa una Pagani Huayra Roadster, auto di lusso che in pochi possono sperare di permettersi. Fra questi, il miliardario Tim Gillean, magnate e dirigente d’azienda statunitense, fondatore di una società di private equity a Dallas, in Texas. Auto che, però, ormai da qualche giorno non fa più parte della sua collezione visto quanto accaduto a suo figlio Gage, 17 anni appena ma già un famoso youtuber. Il giovanissimo internauta, alcuni giorni fa, si trovava al volante della potentissima auto, una bestia da quasi 800 cavalli, quando ne ha perso il controllo finendo per schiantarsi contro un albero.

L’incidente

L’incidente, avvenuto per le strade di Dallas, non ha fortunatamente avuto conseguenze gravi sul ragazzo, uscito quasi del tutto illeso da una vettura che invece era completamente distrutta. “Per fortuna sono ancora vivo“, è stato il commento via social del seguitissimo youtuber, che ha dovuto comunque fare i conti con un danno sostanziale a una macchina letteralmente da buttare. E, soprattutto, con il dato di fatto che a una così giovane età non è forse poi così indicato mettersi al volante di un tale bolide. Il ragazzo ha postato sui social una sua foto con un braccio fasciato, consapevole forse che sarebbe potuta andare molto peggio. Per quanto riguarda l’auto, anche qualora il padre decidesse di investire nuovamente su una Huayra, ci saranno comunque da aspettare 10 mesi. Il tempo richiesto per assemblare una macchina come quella.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.