Visita Eurodisney sotto Lsd: ritrovato nudo lontano dal parco

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Paura e delirio a Disneyland Paris. Prendendo spunto dal titolo di un celebre film della seconda metà degli anni Novanta, si potrebbe riassumere così l'esperienza di una coppia che stava trascorrendo una vacanza in Francia e ha visitato il celebre parco divertimenti della multinazionale americana in Francia sotto l'effetto dell'Lsd. Esperienza decisamente non in linea con lo spirito del luogo, frequentato da migliaia di bambini tutto l'anno.

Una visita lisergica

Questa storia sì è svolta tra la sera e la notte di venerdì scorso, il 20 settembre. La coppia, composta da un giovane svizzero di 32 anni e la sua compagna, ha assunto una potente sostanza psicotropa prima di andare a fare un giro a Eurodisney. L'uomo, forse ottenebrato dagli effetti dell'acido lisergico, è caduto in un uno dei laghetti della struttura e non è più riemerso. La donna che era con lui, preoccupata, ha dato l'allarme. Così sono cominciate le ricerche del suo fidanzato. I soccorsi hanno mosso più di ottanta unità, tra dipendenti e agenti di polizia, e durante la notte ci si è serviti delle unità cinofile e di un elicottero con telecamera termica, scrive Today. Uno sforzo inutile, non c'era traccia di lui dentro Disneyland Paris. Era andato lontano, ma fortunatamente non troppo. Un uomo che stava tornando a casa sua, a due chilometri di distanza dal parco, verso l'una di notte si è trovato all'improvviso davanti il giovane svizzero. Soltanto che questi era completamente nudo e vagava, perso, lungo la strada a più di un chilometro da Disneyland. L'uomo gli è andato incontro, lo ha coperto e riaccompagnato al parco, da dove era venuto. Una volta riapparso, il 32enne è stato portato insieme alla sua fidanzata alla più vicina stazione di polizia, dove sono stati momentaneamente trattenuti in custodia per uso di droga, prima di essere rilasciati.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.