Virus nei siti web delle star

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Visitare il sito web di una celebrity potrebbe provocarvi un'infezione. Non ci riferiamo al raffreddore, ovviamente, ma ai pericolosi malware, quei software usati per disturbare le operazioni svolte da un computer e rubare informazioni sensibili. La nuova tendenza degli hacker sembrerebbe essere infatti quella di sfruttare la curiosità dei fans inserendo trappole e virus nei siti web delle star.

I siti più pericolosi

Lo rivela l'ultimo report della società di sicurezza MacAfee che da 12 anni stila l'elenco dei siti più pericolosi per gli utenti del web. Secondo il rapporto, l'attrice Ruby Rose – star della serie Black is the New Orange –  è risultata essere la celebrità più pericolosa da cercare online. Nella lista compaiono anche l'attrice francese Marion Cotillard, Lynda Carter – la prima Wonder Woman – la star della reality tv Kourtney Kardashian e Amber Heard, attrice ed ex moglie di Johnny Depp.

Anche l'Italia non è esente da rischi: nel Bel Paese in cima a questa poco desiderata classifica c'è la bella Michelle Hunziker, seguita dalla di lei figlia Aurora Ramazzotti. L'attrice, conduttrice ed ex Miss Italia Miriam Leone sta al terzo posto. In classifica anche Ilary Blasi, Monica Bellucci e Asia Argento.

“Spesso privilegiamo la velocità e la semplicità a scapito della sicurezza e facciamo click su link sospetti che promettono contenuti sulle nostre celebrità preferite, come i nostri film, i programmi televisivi o le immagini”, spiega Antonio Gaetani, Director Partner Product Management di McAfee, su Ansa. “Nel nostro mondo iperconnesso – aggiunge – è importante che ci impegniamo a pensare prima di cliccare per essere sicuri di atterrare su contenuti digitali sicuri e proteggersi dalle minacce alla sicurezza informatica che possono essere utilizzate per infettare i loro dispositivi o rubare la loro identità”. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.