Il video shock da Bussolengo: viaggia a 80 km/h con il monopattino – Video

Sorpassi azzardati e senza casco: la follia sulle strade di Bussolengo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:03

Nel buio della notte una persona a bordo del suo monopattino elettrico sfreccia a una velocità di oltre 80 chilometri orari, su una strada extraurbana, per giunta poco illuminata. Imperterrito prosegue la corsa a una velocità folle, sorpassando anche le automobili che incontra sul suo percorso, incurante dei pericoli a cui potrebbe esporsi.

Il video

La scena è stata documentata da un automobilista che, per documentare il fatto, ha commesso alcune infrazioni, come percorre una strada dove il limite è di 50 chilometri orari a 80 chilometri orari. Il tutto per filmare la persona che senza casco, si trovava a bordo del monopattino, mezzo elettrico non progettato per superare i 25 chilometri orari.

Le dichiarazioni di Giovanni D’Agata dello Sportello dei Diritti

Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, quella di modificare il motorino elettrico dei monopattini “è diventata una moda ormai diffusa nel nostro Paese, tanto che negli ultimi mesi sono cresciute esponenzialmente le denunce di corse clandestine. Una vera follia, purtroppo non isolata, che ricorda tanto la moda degli anni Ottanta, che deve subire immediatamente uno stop con norme più restrittive (ma indubbiamente giuste) normative legate all’utilizzo di questi veicoli. Per inquadrare la pericolosità di questa pratica è sufficiente guardare fino alla fine il video di Bussolengo, dove il monopattino si cimenta perfino in un sorpasso ai danni di un automobile, il tutto senza che il conducente indossi il casco. D’altronde, il casco sui monopattini mica è obbligatorio su questi mezzi di spostamento dopo i 18 anni. C’è un proposta sul tavolo per renderlo obbligatorio per tutti ma ancora non è stata approvata”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.