Usura: tassi al 2500%, denuncia strozzino e lo fa arrestare

Il fatto avvenuto nel Casertano. Un prestito da 10mila euro era lievitato fino a 190mila, minacce di morte all'uomo coinvolto da parte del suo usuraio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:47

Un uomo, a causa dell’arrivo del lockdown nel marzo 2020, non era riuscito a pagare un debito contratto con un usuraio. La cifra dovuta era aumentata in modo esponenziale, travolgendo l’uomo con tassi di interessi del 2500% e facendogli temere per la propria vita.

Un vortice che ha portato un piccolo imprenditore del Casertano a rivolgersi alla Guardia di Finanza che ha così arrestato lo strozzino.

Una vicenda di usura nata prima della pandemia, nel novembre 2019, ma esplosa con essa, quella scoperta dalle Fiamme Gialle nel corso di un’indagine coordinata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere. In carcere il 30enne L.P., residente a Caserta, per reati di usura e estorsione.

La vittima, che ha visto crescere in pochi mesi il debito iniziale di 10mila euro fino a 190mila euro, è un piccolo imprenditore che opera nel campo dell’organizzazione di eventi e spettacoli, che ha avuto il coraggio di rivolgersi alle autorità. In questo caso la vittima ha denunciato sebbene con ritardo – lo ha fatto appena un mese fa – e quando era ormai disperata in seguito alle aggressioni fisiche e alle pesanti minacce messe in atto nei suoi confronti dallo strozzino; questi aveva coinvolto anche i familiari dell’imprenditore. “Ti ammazzo”, “ti taglio la gola”, o anche “ti sequestro fino a quando non mi porti tutti i soldi”, per finire con “butto giù dal balcone prima te e poi tuo padre”, queste alcune delle minacce pronunciate dal 30enne usuraio. La notizia è riportata da Ansa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.