LUNEDÌ 05 GIUGNO 2017, 000:04, IN TERRIS

Usa, nel cestino il 40% degli alimenti comprati: sfamerebbe l'84% della popolazione mondiale

MATTIA DAMIANI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Usa, nel cestino il 40% degli alimenti comprati: sfamerebbe l'84% della popolazione mondiale
Usa, nel cestino il 40% degli alimenti comprati: sfamerebbe l'84% della popolazione mondiale
Alla faccia dell'etica e di tutti gli appelli delle associazioni umanitarie per contrastare la fame nel mondo: la popolazione degli Stati Uniti, secondo quanto emerso da uno studio realizzato da un ricercatore della "John Hopkins University", sprecherebbe circa il 40% degli alimenti comprati. Una cifra "monstre" considerando che, in proporzione, tale quantitativo di cibi, qualora non finisse gettato nelle pattumiere delle abitazioni americane, basterebbe da solo a sfamare l'84% della popolazione mondiale. Un dato, questo, certamente poco edificante, segno evidente di come nella società del consumo si sia sviluppata, in una sorta di scoraggiante parallelismo, quella dello spreco. Niente di particolarmente nuovo ma avere a che fare con i numeri rende il quadro certamente più chiaro.

Disparità alimentari


Va detto che lo spreco alimentare è un problema che, in modi e quantità differenti, coinvolge un po' tutte le società del mondo occidentale, quelle dove la disponibilità di risorse è decisamente più ampia. La realtà, a ogni modo, è che mentre lo sperpero di beni alimentari nostrano cresce, aumenta proporzionalmente il dislivello non solo fra i Paesi dei due emisferi ma, in egual modo, quello fra fasce diverse della stessa popolazione. L'esempio lampante, in questo senso, è presente nello stesso studio universitario, nel quale è stato evidenziato uno squilibrio di più che discrete proporzioni fra coloro che comprano più di ciò che mangiano e una parte di cittadini americani che, invece, alle risorse non hanno accesso. Secondo il ricercatore, lo spreco alimentare non lascia indifferente una nazione che, da tempo, ha preso in seria considerazione l'evidenza della disparità fra cibi consumati e sprecati.

Usa, lotta allo spreco


Probabilmente è proprio in virtù di tale presa di coscienza che gli Stati Uniti si sono posti come obiettivo il taglio degli sprechi di almeno il 50% entro il 2030. Una mission certamente importante ma che dovrà tenere in debito conto di un atteggiamento di tipo sociale che induce la popolazione degli States a sviluppare (sempre stando agli studi) una percezione errata, per la quale un cibo, pur non ancora scaduto, verrebbe considerato come già andato a male: la conseguenza, è l'affrettarsi a gettarlo piuttosto che a consumarlo entro la data riportata sulla confezione. Un dettaglio sul quale bisognerà sicuramente lavorare, ancor prima di aggiornare le tabelle statistiche.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Maximilien de Robespierre

Chi semina vento raccoglie tempesta

Tiene ancora banco tra i media la vicenda della pentastellata Elisabetta Trenta ex ministro della difesa, a causa...
Agenti di polizia
PUGLIA

Lamorgese: "Da lunedì 20 nuovi poliziotti a Foggia"

Specializzati nella tutela delle persone sottoposte a protezione personale
Memoriale per Daphne Caruana Galizia
MALTA

Caso Caruana Galizia: il capo della polizia si dimette

L'annuncio è stato fatto dal nuovo premier maltese Abela: presto riforma su procedura di nomina. Il commento del...
ARTE

Ritratto di signora di Klimt è autentico

La conferma dell'autenticità del quadro arriva dai periti a poche settimane dal ritrovamento nello stesso luogo dove...
Deborah Dugan
MUSICA

Caos Grammy: silurata la prima presidente donna

A pochi mesi dalla sua nomina, Deborah Dugan è stata rimossa dal suo incarico e c'è chi parla di un vero e...
Il Politeama di Catanzaro
CALABRIA

Catanzaro, Arlia e Mogol inaugurano la stagione sinfonica

Il celebre direttore d'orchestra e il grande autore aprono l'annata del Politeama, con un incontro fra musica classica e...
Tribunale di Milano
IL CASO

Condannato per l'omicidio del suocero: “Abusava di mia figlia”

A quasi un anno dal fatto, arriva la sentenza di condanna: 20 anni a chi ha sparato, 18 al complice
I segni di tortura sulla schiena di uno dei minori salvati - Foto © Melquiadez Vásquez per Panamá América
PANAMA

Sette, una donna incinta e 5 bambini uccisi in un rito

La scoperta shock del 'rituale satanico': i sopravvissuti legati e percossi fino alla morte
Ali Khamenei
IRAN

Khamenei guida la preghiera, folla a Teheran

L'ayatollah torna dopo otto anni a parlare durante la preghiera del venerdì: "Nucleare? Il dialogo con...
Pizza margherita
CIBO

Oggi è la giornata mondiale delle pizza

Si sfornano otto milioni di pizze al giorno per un fatturato annuale di 15 miliardi di euro
GERUSALEMME

Tensione sulla Spianata delle Moschee

I fedeli islamici hanno protestato in "difesa della moschea di al-Aqsa"
DIALOGO TRA CRISTIANI

L’ecumenismo conciliare di Francesco

Udienza papale alla delegazione della Chiesa Luterana di Finlandia