Urlano “Allah Akbar” in un centro commerciale per divertimento, denunciati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Panico e paura in un centro commerciale di Rimini, dove in serata alcuni giovani magrebini, dopo aver fatto shopping e comprato delle magliette, hanno iniziato ad urlare “Allah Akbar” saltando e correndo fuori dal negozio. Un urlo, lanciato per divertimento, che ha fatto piombare l’intero centro commerciale nell’apprensione più totale. La bravata è costata ai tre amici una denuncia per procurato allarme. In un video, registrato da uno dei tre, si vede chiaramente la dinamica dei fatti: gli amici, poco più che ventenni, dopo aver comprato delle magliette, pagate in contanti, sono usciti fuori dal negozio correndo, e mentre uno di questi, appunto li riprendeva col cellulare, gli altri due si sono messi a saltare e ad urlare in arabo due volte: “Allah akbar”, ovvero “Dio è grande”.

La denuncia

A fare la segnalazione ai carabinieri subito dopo l’accaduto, e una denuncia formale, all’indomani dell’accaduto, da parte di alcuni addetti del centro commerciale che avevano assistito all’intera scena, preoccupandosi soprattutto di non far spaventare gli avventori. I carabinieri di Rimini, che hanno trasmesso gli atti e la relativa denuncia all’autorità giudiziaria, hanno già acquisito i filmati a circuito chiuso del centro commerciale e del singolo negozio. Non si tratta di terrorismo, bensì di una bravata, ma la modalità con cui hanno agito i tre giovani, e soprattutto la ripresa fatta col cellulare, quasi a comprovare ciò che stavano facendo, ha destato dei sospetti sia nel personale del centro commerciale sia degli investigatori che hanno avviato le indagini per identificare i tre magrebini.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.