DOMENICA 04 FEBBRAIO 2018, 00:04, IN TERRIS

Una dittatura "gender" in Andalusia?

Approvata una legge che, secondo i vescovi, "compromette la libertà religiosa"

SIMONE PELLEGRINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Susan Diaz, presidente di Andalusia
Susan Diaz, presidente di Andalusia
S

cuole medie, scuole superiori, associazioni, farmacie, persino le famiglie. Riguardano diversi settori della società, sono pervasive le nuove disposizioni approvate in Spagna dalla Provincia autonoma dell'Andalusia finalizzate a prevenire “atteggiamenti fobici Lgbt, nella sfera sociale, della salute, della educazione, della ricreazione e dello sport, della famiglia o in altre aree".


La legge

La misura approvata nell'Andalusia presieduta dalla socialista Susan Diaz - rileva l'Osservatorio Gender - ricalca un disegno di legge già preso a modello in tutta la Spagna: l'Assemblea autonoma di Madrid, ad esempio, ha approvato nel 2016 una legge che prevede “un piano di azione per l’integrazione dell’alunno nella scuola”, che si struttura attraverso “l’individuazione tempestiva di quelle persone in età infantile scolare che possano essere avviate a un processo di manifestazione della propria identità di genere”.

C'è una analogia tra quella legge madrilena e questa, più recente, andalusa. In un passaggio, quest'ultima, introduce un "diritto" all'accesso ai farmaci che ritardano la pubertà, evitando “lo sviluppo di caratteristiche sessuali secondarie indesiderate". Inoltre, saranno bandite quelle “terapie avversive o qualsiasi altra procedura che implichi un tentativo di conversione, eliminazione o soppressione del proprio orientamento sessuale o identità di genere“. Insomma, gli omosessuali che si sentono a disagio con la loro condizione non potranno accedere a terapie che possano aiutarli.

Dalle farmacie alle tv, la legge coinvolge proprio tutti. Verranno infatti puniti coloro che usano "ripetutamente espressioni degradanti per motivi di orientamento sessuale, identità sessuale o espressione di genere” su qualsiasi mezzo di comunicazione, compresi i social media di Internet. La legge fa inoltre appello al Governo, affinché si faccia garante in modo che tutti i media di massa “adottino, mediante autoregolamentazione, codici etici che prevedano il rispetto dell’uguaglianza e il divieto di discriminazione per motivi di orientamento sessuale e identità di genere, sia nel contenuto informativo che nella lingua utilizzata”.

Vietato infine insegnare agli studenti che esistono "solo" due sessi. "I contenuti dei materiali didattici utilizzati nelle istruzioni degli studenti - si legge - promuoveranno il rispetto e la protezione del diritto alla diversità sessuale e di genere e all’espressione di genere, nonché un’educazione non binaria, che rende visibile la diversità corporea e sessuale, e diversità familiare".

E cosa rischiano i trasgressori? Multe fino a 6mila euro, mentre per coloro che si renderanno “colpevoli” di inadempienze “più gravi” le multe potranno arrivare fino ad addirittura 120mila euro.


La critica dei vescovi

Sulla nuova legge non hanno fatto mancare la propria voce di dissenso i vescovi dell'Andalusia, che in una nota la ritengono una “minaccia alla vita familiare, all’educazione e alla professione medica. È, quindi, una legge che compromette la libertà di pensiero, la libertà di coscienza, la libertà di educazione e insegnamento e la libertà religiosa". "La natura sessualmente differenziata della persona umana - scrivono ancora i presuli - fa parte della sua costituzione e non è possibile sostituire ciò che è biologicamente e costituzionalmente, in favore di ciò che decide liberamente di essere, in favore di ciò che è culturalmente e socialmente costruito. Né la coscienza, né la volontà, individuale o collettiva, creano o determinano ciò che siamo".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Euro

Polvere negli occhi

Ogni volta che sento parlare di tagli alle spese pubbliche per partiti politici, o del taglio di parlamentari, solo per...
ECOBONUS

Tornano gli incentivi per le auto ecologiche

Fino al 20 novembre è possibile acquistare una nuova auto con lo sconto fino a 4.000 euro
INCIDENTI IN MONTAGNA

Alpinista scivola e muore in Valle Camonica

L’uomo, insieme a due amici per una scalata, è caduto per cento metri prima dello Spigolo Cassin. Per recuperare il...
GALLARATE

Aggressione al sacrestano di colore: “Ora temo per la mia vita”

L’uomo, originario del Burundi e cittadino italiano dal 2015, è stato attaccato da un uomo che lo ha spesso...
Ida Colucci, ex-direttrice del Tg2
GIORNALISMO

Lutto al Tg2, scomparsa Ida Colucci

Direttrice del telegiornale, ha dedicato la sua vita all'informazione
Simon Gautier
CILENTO

Aperta un'inchiesta sulla morte di Simon Gautier

L'ipotesi è che, dopo aver lanciato l'allarme, il 27enne sia deceduto nell'arco di 45 minuti
MIGRANTI

La Spagna apre i porti nelle Baleari, Open Arms vuole sbarcare a Lampedusa

La Francia è disposta ad accogliere 40 migranti. I 27 minori non accompagnati oggi a Porto Empedocle saranno trasferiti...
Hicham Boukssid, la vittima Hui
REGGIO EMILIA

Si è costituito il presunto killer di Stefania

La barista di origini cinesi era stata accoltellata lo scorso 8 agosto nel bar dove lavorava
La balenottera spiaggiata a Cala de Figo
SPAGNA

La gru tenta di sollevare il corpo della balena ma spezza la coda

L'incidente a Navia, nelle Asturie: il cetaceo era rimasto spiaggiato in una cala vicina e oggetto di selfie prima della...
Rifiuti
MUNICIPIO XI

Rifiuti: prima multa per violazione dell'ordinanza Raggi

Un uomo ha gettato l'immondizia contenuta in sacco nero e non trasparente