Uccide 31 stelle marine: ecco perché

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Una blogger statunitense è finita, forse inconsapevolmente nell'occhio del ciclone dopo aver postato una foto sui social. La 29enne, infatti, si è fatta ritrarre sul bagnasciuga di una spiaggia, con accanto un grande cuore formato da stelle marine. Il tempo trascorso fuori dall'acqua ha causato la morte delle 31 creature marine. L'operazione avrebbe dovuto portarle diversi “like”, ma gli utenti dei social si sono scatenati contro di lei, condannandola per il gesto.

Animali in pericolo

Le stelle marine rischiano dunque l'estinzione anche per colpa dei…selfie. Agli inizi degli anni 2000, infatti, le stelle marine erano talmente tante da costituire una sorta di tappeto sul fondo marino tra la California e la Columbia Britannica. Ora, invece, trovarne una della specie “girasole” (Pycnopodia helianthoides) lungo le coste nord-americane del Pacifico è davvero raro: colpa principalmente di un virus (non informatico, ma reale!) che si è sviluppato grazie all’aumento della temperatura delle acque decimando questi splendidi invertebrati.

La seconda causa di morte è, paradossalmente, la recente moda di farsi delle foto con questi animali lasciandoli fuori dall’acqua. Bastano infatti pochi minuti all'aria perché questa specie muoia per soffocamento. E' quanto fatto dall’influencer che – per un post – ne ha uccise ben 31. Ma, invece dei like, la ragazza ha ottenuto una pioggia di critiche su Instagram, soprattutto dagli animalisti indignati per la sua superficialità, ma anche da parte di tante persone comuni. “Fatteli da sola i selfie!”, “Non hai cuore”, hanno scritto alcuni nei commenti all'immagine. La legge dovrebbe tutelare gli animali in via d'estinzione da un nuovo terribile pericolo: il fotoritratto!

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.