Attenzione alla truffa del falso audio Microsoft – VIDEO –

La nuova truffa "audio" è stata segnalata nelle scorse ore dalla Polizia Postale. Si tratta di una frode informatica che utilizza il marchio Microsoft

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:48

L’ultima pericolosa truffa online corre…via audio. Non è un tormentone estivo di qualche cantante trap, ma una frode informatica che installa un virus quando ascoltiamo un audio della Microsoft, nota azienda informatica. La nuova truffa è stata segnalata nelle scorse ore dalla Polizia Postale. E’ necessario prestare attenzione a questo nuovo tipo di frode informatica che potrebbe interessare chiunque possieda un pc.

Il post con l’audio

In tal senso è eloquente il post sulla pagina Facebook “Commissariato di PS Online – Italia” con il video che riproduce l’audio truffa. “Se mentre navighi o quando accendi il pc si aprono finestre di alert per potenziali Trojan che hanno compromesso il tuo computer e ti invitano a chiamare un numero verde – si legge nel post della Polizia Postale – NON FARLO. Si tratta di una nuova tipologia di truffa con un falso messaggio audio di Microsoft. Basta spegnere il computer. Aggiornare l’antivirus e fare la scansione dei file. Per sicurezza cambiare anche le password dei propri profili. Ascolta l’audio truffa e fai attenzione:”.

La truffa corre via audio

Si tratta di una nuova modalità di frode online che merita la più ampia conoscenza tra la platea del pubblico potenzialmente interessato, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”. Questa volta è attraverso un audio che si tenta di approfittare dei cittadini, ingenerando preoccupazione e, quindi, una reazione istintiva che è quanto di più sbagliato si possa fare.

Come per le precedenti segnalazioni, ricordiamo a tutti di seguire i consigli della Polizia Postale ed evitare di seguire le indicazioni dei malintenzionati che inventano e utilizzano questi metodi truffaldini. Sono numerosissime le frodi ai cittadini. Recuperare i soldi rubati dai cyber-criminali è però possibile, come racconta a In Terris il dott. Martino Brunetti, Commissario Capo della Polizia Postale.

Di seguito il video della polizia postale

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.