TROPPO BRUTTA SENZA TRUCCO, DOPO IL MATRIMONIO FA CAUSA ALLA MOGLIE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:09

Venti mila dollari per i danni psicologici subiti e il divorzio. E’ il risarcimento che un uomo ha chiesto alla sua neo moglie, ad appena un giorno dalla celebrazione che li aveva uniti. E’ accaduto ad Algeri e, se la storia non mettesse in evidenza la superficialità delle persone, sarebbe una degna trama per una commedia hollywoodiana. Un grande amore – almeno fino al risveglio – coronato da una cerimonia da sogno, con tutti i parenti e gli amici di sempre.

L’idillio dei due novelli sposi, convolati a nozze il giorno prima, dura ben poco. Dopo la prima notte di nozze, l’uomo si sveglia e, secondo lui, subisce uno choc: vede la moglie senza trucco. Il novello sposo ha dichiarato che inizialmente non aveva neanche riconosciuto la donna a causa del suo brutto aspetto senza trucco e che pensava che in casa ci fosse un ladro.

Secondo il suo racconto la moglie non si era mai presentata ad un appuntamento senza un pesante make up e lui ha sempre pensato che si trattasse di una bella donna. Come se un po’ di fondotinta, ombretto, mascara e rossetto fossero gli ingredienti magici per una pozione di bellezza.  Ma senza il trucco la donna avrebbe rivelato il suo vero aspetto al marito, che non ha gradito per niente e che ha chiesto il divorzio dopo solo un giorno di vita da coniugi.

Accade sempre più spesso che si dia importanza all’aspetto esteriore, senza considerare la bellezza interiore di una persona. Il matrimonio dovrebbe essere il momento in cui due persone scelgono di passare la vita insieme e ufficializzano la loro relazione, ma tutto ciò non può essere basato solo sull’aspetto fisico.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.