Follia in Texas: Il Coronavirus non esiste? Scoprilo ad un party…

Muore 30enne dopo aver partecipato a una festa con dei positivi al virus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:00

In Texas, presso il Methodist Hospital di San Antonio, muore un 30enne,  pochi giorni  dopo aver partecipato a una festa dove aveva contratto il terribile virus. Sono diversi i “Covid party”, organizzati  negli Stati Uniti, dove i giovani si riuniscono senza rispettare le regole previste. lo scopo di “sperimentare” se il virus esiste davvero.

Un errore fatale

Al giovane uomo è stato fatale il convincimento che il Coronavirus fosse un’invenzione di politici e  giornali. Prima di morire all’infermiera, che lo stava assistendo, ha confidato: “Penso di aver fatto un grosso errore. Pensavo fosse una bufala, ma non lo è” .

L’appello della dottoressa

La dottoressa  Jane Appleby del Methodist Hospital, dove è morto il ragazzo, in un video pubblicato su YouTube  ha raccontato la vicenda e ha invitato i giovani a non partecipare ai “Covid party“. “L’idea di queste feste è riunirsi e vedere se il virus è reale e se qualcuno dei presenti viene contagiato”.

Ha reso noto che attualmente, nello stesso ospedale, sono ricoverati diversi pazienti tra i 20 e i 30 anni per complicazioni legate al Covid-19, rivolgendo un appello ai giovani: “Nessuno di noi è invincibile. Per favore, indossate le mascherine, restate a casa quando potete, evitate gli assembramenti e lavatevi spesso le mani”.

Un esperto in emergenza

Robert Glatter, un esperto dell’emergenza al Lenox Hill Hospital di Manhattan, ha spiegato che quei party sono “pericolosi, irresponsabili e potenzialmente mortali”,  “Parteciparvi può essere una via verso una morte veloce, oppure verso una lunga malattia fatta di spossatezza, dolori, difficoltà di respirare e febbre alta, se si sopravvive.

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.