DOMENICA 17 SETTEMBRE 2017, 000:04, IN TERRIS

Targa per una bambina torturata e uccisa dai partigiani, scoppia la polemica

DANIELE VICE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Targa per una bambina torturata e uccisa dai partigiani, scoppia la polemica
Targa per una bambina torturata e uccisa dai partigiani, scoppia la polemica
Nel Paese dove la memoria condivisa è la più lontana delle utopie anche il ricordo di una bambina violentata e uccisa finisce col diventare motivo di stupide divisioni politiche. Parliamo Giuseppina Ghersi, torturata e giustiziata da un gruppo di partigiani nella primavera del 1945, perché accusata di essere una spia fascista (fatale per la sua condanna a morte fu una lettera di encomio ricevuta dalla segretaria di Benito Mussolini a seguito di un concorso scolastico).

La guerra, inutile girarci intorno o tentare approcci buonisti, comporta anche perdite di vite innocenti e nella sanguinaria lotta tra partigiani e nazifascisti a lasciarci la pelle furono anche donne, anziani e bambini. Ma se i crimini della Rsi e dei soldati tedeschi vengono (giustamente) rimarcati e condannati a prescindere, quelli della Resistenza, spesso, sono sottaciuti o sminuiti, quasi che ci fossero morti di serie A e di serie B.

La querelle è nata quando il Comune di Noli (Savona) ha deciso, su proposta di un consigliere di maggioranza approvata dal sindaco di centrodestra, di affiggere il prossimo 30 settembre una targa in ricordo della giovane, con tanto di cerimonia. L'iniziativa è stata ferocemente contestata dall'Anpi. "Giuseppina Ghersi al di là dell’età era una fascista – ha detto il presidente Samuele Rago – Eravamo alla fine della guerra è ovvio che ci fossero condizioni che oggi ci appaiono incomprensibili. Era una ragazzina ma rappresentava quella parte là. Una iniziativa del genere ha un valore strumentale protesteremo".

La presa di posizione di Rago non ha trovato però d'accordo tutto il mondo partigiano, in particolare alcune sezioni della Liguria. La sindaca di Savona, Ilaria Caprioglio, da parte sua ha invitato tutti a riflettere sull'inutilità della polemica. "Non si deve rischiare di strumentalizzare un fatto accaduto settant’anni fa e dai contorni ancora oscuri - ha detto -. Quello che sappiamo è che si è trattato di una violenza terribile e di un abuso nei confronti di una bambina. Al netto dell’era fascista e di quello che significò allora, c’è stata una vita innocente spezzata, davanti alla quale credo si debba provare rispetto e silenzio. Basta urlarsi addosso l’uno con l’altro e giocare a chi si infanga di più. Non voglio parlare né di destra né di sinistra, invito a guardare alle nostre coscienze. Quello che importa è che questa violenza non si ripeta mai più, è su quello che accade oggi, sulle violenze e le emergenze di oggi, che ci dobbiamo impegnare e non usare episodi del passato come una clava da qualunque parti questo avvenga. La vicenda di Giuseppina Ghersi ci dice fino a che punto la ferocia dell’uomo può spingersi, oggi come allora. Riflettiamo".

Secondo quanto riportato nell'esposto depositato dal padre della vittima alla Procura di Savona nel 1949, la figlia venne prelevata con la forza da alcuni partigiani. Fu picchiata e seviziata davanti ai genitori ("la presero a calci giocando a pallone con lei" scrisse il padre). Fu rasata a zero, le venne dipinta la testa di rosso e poi fu finita con un colpo di pistola alla nuca. E' vergognoso che una vicenda tanto atroce, dopo oltre 70 anni, in un Paese oggi imbevuto (vivaddio) di valori democratici e libertari, possa essere motivo di divisioni. Viene da pensare che l'unica vera colpa di Giuseppina sia stata quella di essere uccisa dalle persone sbagliate...
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un pompiere
TREZZANO SUL NAVIGLIO (MILANO)

Incendio in un capannone, due feriti gravi

Ustionati tre operai, due in codice rosso. Sono i dipendenti di una ditta che lavora cannabis legale
La cantante Emma Marrone al Festival di Sanremo 2013
CANTANTI

Emma Marrone si ferma: "Devo affrontare un problema di salute"

La vicinanza dei colleghi, da Pausini a Nek: "Forza, siamo tutti con te"
Frame di uno dei video che riprende un oggetto volante non identificato - Video © U.S. Department of Defense
EXTRATERRESTRI

Gli Ufo esistono: parola della Marina Usa

Le prove nei filmati diffusi tra il 2017 e il 2018 dal New York Times
I disordini a Torino del 9 febbraio - Foto La Stampa
TORINO

Operazione della Digos contro anarchici: due arresti e 37 indagati

I divieti di dimora sono undici, anche cittadini stranieri. La sera della protesta fermate già undici persone
Staff dell'Oim in Libia - Foto © Organizzazione mondiale per le migrazioni
IMMIGRAZIONE

Libia: migrante in fuga ucciso con un colpo di arma da fuoco

L'uomo, di origini sudanesi, faceva parte di un di persone riportate a terra dalla Guardica costiera Libica
Washington. Transenne nella zona di Columbia Heights
USA

Spari a Columbia Heights: paura a Washington

Ancora non chiara la dinamica, i colpi esplosi non lontano dalla Casa Bianca. Almeno un morto e sei feriti, due gravi
Papa Francesco con un bambino malato - Foto © L'Eco di San Gabriele

Chi ha paura di Papa Francesco?

Se i social fossero uno specchio veritiero della realtà, dovrebbe esserci uno scisma al giorno. E invece,...
Roma-Basaksehir 4-0. Nicolò Zaniolo esulta dopo aver siglato il tris giallorosso - Foto © Twitter
EUROPA LEAGUE

Roma sul velluto, Basaksehir affondato: 4-0

All'Olimpico apre un'autorete di Caiçara, poi Dzeko, Zaniolo e Kluivert. La Lazio cade a Cluj
L'ex presidente Ben Ali
TUNISIA

Ben Ali, il presidente deposto dalla Primavera araba

Al potere dall'87 al 2011, quando la rivoluzione popolare lo destituì: l'ex presidente è morto in Arabia...
Palazzo Chigi, sede della Presidenza del Consiglio
GOVERNO

Consiglio dei ministri approva il "decreto cybersecurity"

Introdotto il "golden power" a garanzia del mercato azionario italiano. Assente il dl del ministro Costa
Tor Bella Monaca (Foto-Cgil Roma Rieti)
PERIFERIE

Tor Bella Monaca: famiglia di rom mandata via da una protesta

Il nucleo di quattro persone era legittimo assegnatario di un alloggio popolare, ora potrebbe rinunciare
Rider
L'INCHIESTA

Milano, la Procura indaga sul giro dei riders

Sotto la lente degli inquirenti le ipotesi di presunto caporalato e possibile violazione degli standard di sicurezza