MERCOLEDÌ 06 SETTEMBRE 2017, 000:04, IN TERRIS

Svezia espelle profuga di 106 anni: "L'età non dà diritto all'asilo"

La donna afghana ha raggiunto l'Europa nel 2015, ma ora viene costretta a tornare indietro malgrado la sua fragilità

SIMONE PELLEGRINI
Svezia espelle profuga di 106 anni:
Svezia espelle profuga di 106 anni: "L'età non dà diritto all'asilo"
Non basta essere ultracentenari e dunque estremamente fragili. In Europa i rifugiati possono essere respinti anche in condizioni di questo tipo.

Il lungo viaggio di Bibihal


Lo testimonia la vicenda di Bibihal Uzbeki, ora 106enne, che sarà costretta ad abbandonare la Svezia dopo averla raggiunta dall'Afghanistan a seguito di un lungo e faticosissimo viaggio.

Ha raggiunto l'Europa nel 2015, a 104 anni. Partita insieme ai familiari e ad altri richiedenti asilo provenienti in particolare da Siria, Afghanistan e Iraq, ha attraversato  i Balcani, in treno e a piedi, aiutata dal figlio 67enne e dal nipote di 19 anni. Hanno attraversato montagne, deserti e foreste e molto spesso è stata aiutata caricandola in spalla.

L'età non è un requisito


Un viaggio impervio, che alla fine l'ha portata a raggiungere la Svezia. Una meta tanto agognata, che potrebbe però ora sfumare, dopo due anni dal suo arrivo. L'agenzia per le migrazioni svedesi, infatti, ha respinto la sua richiesta d'asilo adducendo la motivazione che: "L'età non è un requisito per concederlo". Appena la donna lo ha saputo, è stata colta da un infarto.

"Afghanistan luogo non pericoloso"


Le ragioni dell'agenzia di migrazione sono state tra l'altro che l'Afghanistan non è più da considerarsi un luogo pericoloso per vivere. Una ragione che ha però fatto molto discutere. “È ancora possibile tornare in varie regioni e pertanto sarà necessario verificare individualmente ciascun caso”, ha affermato Fredrik Beijer, direttore degli affari legali presso l'ufficio immigrazione.

L'appello della donna


Evidentemente, non vengono considerati requisiti nemmeno la disabilità della donna, che ha anche seri problemi di linguaggio. Nel 2015 la sua vicenda ha catalizzato le attenzioni della stampa svedese e internazionale. Bibihal si è sistemata prima al campo profughi di Opatovac in Croazia. E dopo in Svezia. La donna, aiutata dai familiari, ha fatto appello contro la decisione e attende ora il verdetto.

Diminuzione di richieste d'asilo


Nel 2017, a seguito della chiusura della rotta balcanica, si è notevolmente ridotto il numero di rifugiati che hanno inoltrato una domanda di asilo in Svezia: poco più di tredicimila contro i 163mila del 2015.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La struttura in cui è rimasto ferito il clochard
AVELLINO

Molotov contro un rifugio di clochard

Senzatetto ucraino ustionato alle gambe
Jost Sustermans, Ritratto di Galileo, 1636, olio su tela, Firenze, Galleria degli Uffizi (particolare)
PADOVA

Galileo: in mostra il genio che ha ridisegnato l'universo

Dal 18 novembre 2017 al 18 marzo 2018 a Palazzo Monte di Pietà
MORTE RIINA

La Cei: "Nessun funerale pubblico per il boss"

Lo ha confermato il portavoce, don Maffeis: "Ricordo la scomunica del Papa ai mafiosi"
Carles Puigdemont
CATALOGNA

Puigdemont, sull'estradizione si decide il 4 dicembre

Il giudice rinvia al mese prossimo la decisione sul mandato d'arresto europeo. L'ex presidente resta in Belgio
DIFESA DELLA VITA NASCENTE

Aborto: una campagna per informare le donne

La rilancia l'Associazione ProVita proprio mentre a Roma spuntano manifesti sul tema
Giampiero Ventura
DISFATTA AZZURRA

Parla Ventura: "Le sconfitte non hanno una sola verità"

L'ex ct saluta i tifosi in una dichiarazione all'Ansa: "Grande dispiacere, mi sento incompiuto"