Una svastica sui pacchi della droga

La brutta scoperta dei militari del nucleo investigativo di Napoli che hanno arrestato tre persone e sequestrato 10 chili di cocaina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:46
La svastica in bassorilievo nel pacco di cocaina sequestrato dai Carabinieri

In bassorilievo, in ogni pacco di droga sequestrata, una svastica. Era stata disegnata all’interno di ognuna delle 10 confezioni da un chilo di cocaina scoperte durante un’operazione anticrimine dei Carabinieri nel Napoletano. In totale nell’ambito di un’operazione più complessiva contro lo spaccio di droga, tra Napoli e provincia, i militari del nucleo investigativo hanno arrestato tre persone e sequestrato 10 chili di cocaina che avrebbero fruttato 1 milione di euro.

I dettagli della scoperta della svastica

Nel comune di Palma Campania, in particolare, i Carabinieri hanno arrestato per detenzione di droga un 37enne incensurato del posto. L’uomo era a bordo della sua auto. Quando i carabinieri hanno effettuato il controllo hanno trovato nel cofano ben 10 chili di cocaina purissima suddivisa in 10 confezioni da 1 chilo. Ogni pacco di droga presentava al suo interno una banconota colombiana e in bassorilievo una svastica.

Durante le diverse perquisizioni domiciliari effettuate dai Carabinieri del Comando Provinciale, a finire in manette per detenzione abusiva di arma e ricettazione un 30enne e un 32enne incensurato. Il primo è di Marano di Napoli mentre l’incensurato è del Rione Traiano di Napoli. I Carabinieri del nucleo investigativo hanno rinvenuto nella loro abitazione di San Gennaro Vesuviano una pistola risultata rubata e pronta all’uso e 12 munizioni calibro 9×21. Rinvenuti e sequestrati anche 13 chili di sostanza da taglio, un impianto di video sorveglianza con 7 telecamere perimetrali, diversi smartphones e 3 katane. I 3 arresti sono stati convalidati e tutti rimangono in carcere.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.