Lo stalker recidivo tende l’ennesimo agguato alla ex, ma finisce male

La vittima aveva già sporto denuncia a fine novembre a seguito di un’altra aggressione in cui riportò delle lesioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:03

Ha bussato insistentemente alla porta della sua ex, poi ha finto di allontanarsi dal condominio di via Vacuna, zona Tiburtina a Roma, nascondendosi nell’androne e aspettando che la ragazza uscisse allo scoperto. Quando la vittima è scesa dall’appartamento, l’uomo le è saltato addosso, tentando di aggredirla.

E’ la brutta storia vissuta da una ragazza umbra di 38 anni, originaria di Umbertide (PG) da tempo domiciliata a Roma per motivi di lavoro, che è riuscita ad eludere il tentativo di aggressione rifugiandosi nell’ascensore da dove ha chiamato il “112” per chiedere aiuto.

L’aiuto dei militari

All’arrivo delle pattuglie della Stazione Carabinieri Roma Prenestina e del Nucleo Radiomobile del Gruppo Carabinieri di Roma, l’aggressore – un romano di 45 anni con precedenti – ha tentato dapprima di nascondersi, poi, vistosi scoperto, si è dato alla fuga in strada dove è stato bloccato poco dopo dai militari.

La denuncia di novembre

La 38enne ha raccontato l’accaduto, spiegando anche che non si trattava di un episodio sporadico, considerando che aveva già sporto denuncia nei confronti dell’ex a fine novembre scorso a seguito di un’altra aggressione in cui riportò delle lesioni.

Allo stalker recidivo però questa volta è finita male. L’uomo è stato catturato, ammanettato e portato nel carcere di Frosinone, dove rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per rispondere di atti persecutori.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.