Spara dal balcone per vendicare la fine della relazione, arrestato

Il fatto è avvenuto a Canosa di Puglia, il pregiudicato ha sparato contro una coppia di amici della ex

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:13
Coronavirus

Lei lo lascia e lui, pregiudicato ai domiciliari, spara dal balcone. I colpi sono indirizzati contro una coppia di amici della ex, imputando loro di aver favorito l’abbandono. Abbandono che, secondo gli inquirenti, “aveva soprattutto minato il suo prestigio criminale“.

I Carabinieri di Andria hanno arrestato un 37enne pluripregiudicato di Canosa di Puglia, finito in carcere per duplice tentato omicidio, aggravato dalla premeditazione e dai futili motivi. Le indagini sono cominciate dopo la denuncia delle due presunte vittime, una coppia di rumeni, amici e connazionali della ex compagna del 37enne. Le vittime hanno raccontato di essere state costrette a fuggire dalla cittadina pugliese e una volta a Bologna si sono rivolte alle forze dell’ordine, spiegando che l’uomo aveva tentato di ucciderle.

Sotto il coordinamento della Procura di Trani, i militari hanno così accertato che il 37enne avrebbe agito per vendicare la fine di una relazione affettiva della quale incolpava i due. Così, pur essendo sottoposto a detenzione domiciliare, si sarebbe procurato una pistola. Con l’inganno, avrebbe fatto avvicinare la coppia fino alla sua abitazione, cercando di ucciderli sparando dal balcone. Ma l’azione di fuoco fortunatamente non è andata a buon fine. I Carabinieri hanno poi documentato “una escalation di comportamenti negativi dell’autore”, che nel frattempo era tornato libero. Anche con minacce a conoscenti, con l’obiettivo di rintracciare la donna che lo aveva abbandonato e coloro che secondo lui l’avevano convinta a fare quel gesto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.