MARTEDÌ 30 AGOSTO 2016, 000:04, IN TERRIS

"SIETE MUSULMANE, QUINDI TERRORISTE", CACCIATE DAL RISTORANTE

EDITH DRISCOLL
"SIETE MUSULMANE, QUINDI TERRORISTE", CACCIATE DAL RISTORANTE
In Francia si fa sempre più acceso il dibattito sull'islamofobia, soprattutto a seguito del divieto in alcune località balneari della riviera francese di indossare il famigerato "burkini" - il costume da bagno che copre tutto il corpo, dalla testa ai piedi - e la conseguente discussione da parte dell'opinione pubblica, con una parte che ritiene illegittimo obbligare una donna a spogliarsi e un'altra parte che, al contrario, sostiene che le donne musulmane debbano adattarsi alla cultura occidentale.

Quello che è accaduto in un ristorante della periferia di Parigi, "Le Cenacle" a Tremablay-en-France, ha infiammato ulteriormente le due fazioni, suscitando numerose reazioni nei cittadini. Il propietario del locale, infatti, si è categoricamente  rifutato di servire due clienti musulmane perché, come affermato da lui stesso, " i terroristi sono musulmani e tutti i musulmani sono terroristi".

L'imbarazzante scena è stata ripresa da un altro cliente del ristorante che ha documentato l'intera discussione con la telecamera del suo cellulare. Il video, inutile dirlo, è rimbalzato da un social a un altro diventando virale in pochissime ore e spaccando in due i frequentatori dei social network: alcuni utenti hanno immediatamente stigmatizzato il comportamento del ristoratore, altri invece lo hanno apprezzato.

Jean- Baptiste, il proprietario del locale, si è poi sfogato con la stampa spiegando le ragioni della sua reazione: "ho un amico che è morto al Bataclan, sono molto triste - ha affermato il giovane - . Quello che ho detto non lo penso assolutamente. Ho perso il controllo e me ne scuso".

Intanto, il comitato contro l'islamofobia in Francia ha annunciato che intende offrire supporto alle due donne offese, offrendo loro un aiuto psicologico e giuridico. La Procura di Bobigny, invece, aprirà un'inchiesta per "discriminazione razziale".
 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"