Si ribaltano con l'auto, poi aspettano i soccorsi… girando un video

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:19

Per carità, ognuno è libero di esorcizzare come vuole i propri momenti di choc. Fatto sta che il comportamento di due teenager americane, una delle quali di appena 16 anni, rimaste vittime di un brutto incidente automobilistico, fa perlomeno riflettere su quanta influenza rivesta oggi il mondo social nella quotidianità dei ragazzi. Le due giovani, a bordo di un'auto di proprietà dei genitori della guidatrice, sono finite fuori strada a causa di un guasto a uno pneumatico, vivendo brutti momenti quando la vettura si è ribaltata, adagiandosi infine su un fianco, impedendo alle ragazze, rimaste fortunatamente illese, di uscire. Chiamati i soccorsi, una delle due ha deciso di immortalare persino quel momento della propria vita, mostrando chiaramente l'auto danneggiata e, soprattutto, il loro sollievo per lo scampato pericolo, pubblicando poi il tutto sui social.

#show_tweet#

Parte della quotidianità

Il filmato è diventato virale, spopolando su Tik Tok (l'app sulla quale è stato pubblicato) e ottenendo milioni di visualizzazioni anche se, in termini di like, non tutti l'hanno pensata allo stesso modo. Anzi, sia dentro che fuori dagli Usa, il video ha suscitato non poche polemiche. Il filmato mostra le due giovani per nulla spaventate, sorridere e lanciarsi in un “Oh my god” in tono ironico, sostanzialmente scherzando sull'incidente appena avvenuto. Il che, in sé, non sarebbe un errore se non fosse che, proprio in virtù dello scampato pericolo, la riflessione da fare sarebbe dovuta essere ben altra. D'altronde, il gesto delle ragazze mostra chiaramente come, anche in casi estremi, la necessità di condividere con utenti sconosciuti i propri momenti sia ormai una routine, parte integrante non solo del passatempo ma anche della vita stessa dei più giovani. Prova ne sia il fatto che, anche in una situazione comunque grave, si sia deciso di affidare ai social le proprie reazioni. Un gesto che non tutti hanno compreso a fondo.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.