Sgominata a Torino la “Banda dei Tir”: recuperati beni per 1 milione di euro

Quindici persone di origine rom sono finite nel mirino dei carabinieri perché dedite ai furti in aziende e su tir in sosta nel Torinese

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:22
Tir in sosta (immagine di repertorio)

Sgominata dai carabinieri la “banda dei Tir”. Oggi quindici persone di origine rom sono finite nel mirino dei carabinieri perché dedite ai furti in aziende e su tir in sosta nel Torinese.

La banda dei Tir

All’alba di oggi, 14 settembre, 100 carabinieri del Comando Provinciale di Torino hanno eseguito in tutta la provincia un’ordinanza di misura cautelare emessa dal Gip del Tribunale del capoluogo piemontese su richiesta della locale Procura, nei confronti degli appartenenti ad una banda criminale, ritenuti responsabili, a vario titolo, di concorso in furto aggravato, rapina, ricettazione ed indebito utilizzo di carte di credito.

Quindici gli indagati destinatari dei provvedimenti cautelari, di cui quattro in carcere, sei ai domiciliari, quattro all’obbligo di dimora nel comune di residenza ed uno all’obbligo di dimora nel quartiere di residenza.

L’attività investigativa, condotta per un anno e mezzo dai carabinieri della compagnia Torino Oltre Dora ha consentito di accertare l’esistenza di un gruppo criminale di origine rom i cui componenti setacciavano le aree industriali e commerciali delle province di Torino e Cuneo, al fine di depredare merce dai magazzini delle aziende, nonché il carico dagli autoarticolati parcheggiati nelle loro adiacenze. Durante l’attività d’indagine è stata recuperata e restituita ai legittimi proprietari merce rubata per un valore complessivo pari a 1.200.000 euro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.