Serrature e armadi finti. Così un albergatore di Torino spiava i clienti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:28

Mettete insieme un bed & breakfast e un albergatore “molto” curioso e avrete l’ennesima storia di privacy violata. Il fatto è avvenuto a Torino dove il proprietario di un b&b aveva creato un sistema articolato per spiare i clienti: stanze segrete nascoste da finti armadi con appositi fori camuffati da nottolini di serratura. Un meccanismo che permetteva all’uomo di osservare e filmare gli ospiti senza essere visto. Per lo meno sino a oggi.

Una coppia, infatti, insospettita dai rumori e dalle luci che filtravano dai guardaroba si è rivolta ai carabinieri del capoluogo piemontese. Immediato l’intervento dei militari che hanno messo sotto sequestro la struttura e ora cercano di comprendere quali fossero le intenzioni dell’albergatore. C’è da capire, in particolare, se le sue intenzioni fossero di natura estorsiva, cioè volesse ricattare i clienti. La perquisizione da parte degli investigatori, dopo la segnalazione delle vittime, ha fatto scoprire il tranello. In questi anni decine di persone sarebbero state spiate.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.